massoni sono impazziti,

@Netanyahu, i massoni sono impazziti, questi vogliono la guerra mondiale, a tutti i costi! [ USA UE, devono subito essere isolati dal mondo ] Ucraina: Merkel, secondo livello sanzioni. Lunedì se situazione non cambia.Da 6 giorni no segnali da Russia. 12 marzo, #BERLINO, ''Sono passati sei giorni'' e non ci sono stati segnali dalla Russia sul gruppo di contatto, ''quindi ci dobbiamo preparare al successivo livello di sanzioni''. Lo ha detto Angela Merkel a Varsavia. ''Se la situazione non cambierà come sembra lunedì si deciderà il secondo livello di sanzioni''.

king saudi arabia.. tu non sei un essere umano, tu sei un pezzo di merda... e, tu sei anche un codardo.. ti piace uccidere 300 cristiani, innocenti ed indifesi, al giorno, per fare la tua geopolitica di espanione, e, per essere l'alleato dei farisei talmud satanisti agenda Gmos... "ti rimprovera lo Spirito Santo!"


MY GOD YHWH HOLY HOLY HOLY, HOE, ik kan een goede JONGEN! [Criminal Obama, Talmoed AGENDA, SHIT Gmos GENDER Kerry 332, Bush, seksuele perverselingen, pedofielen, NWO, vrijmetselaars systeem: Bildenberg, Nazi corporaties, seigniorage bank scam, VN, Amnesty gek sharia, dhimmi slaven, 666 CIA, vreemdelingen ontvoeringen, IMF satanisten, kannibalen, FED Spa, micro-chip, Morgellons: grote broer: je satan zombies: FUCK YOU ALL! shit, shit. dick, haan, dick, shit, prik, pikhouweel, penis, AAAAAaaaaaaaahhhhHHHH, mest, ung, uitwerpselen, shit, shit! ] 4 februari, menselijk-dierlijke hybriden, rampen in de maak. Wetenschappers over de hele wereld, zijn het creëren van bizarre, menselijk-dierlijke hybriden, Dat, kon grote schade aanrichten op de samenleving.
 

MEU DEUS YHWH HOLY HOLY HOLY, COMO, EU POSSO SER UM BOM MENINO! [Obama Penal, Talmud AGENDA, MERDA Ogm GÊNERO Kerry 332, Arbusto, pervertidos sexuais, os pedófilos, AGORA, sistema maçónico: Bildenberg, as corporações nazistas, scam bancário senhoriagem, a ONU, a Anistia louco Sharia, escravos dhimmi, 666 CIA, estrangeiros abduções, o FMI satanists, canibais, FED Spa em micro-chip, Morgellons: big brother: os zumbis satan: FUCK YOU ALL! merda, merda. pau, pau, pau, porra, prick, pau, pênis, AAAAAaaaaaaaahhhhHHHH, esterco, ung, fezes, merda, merda! ] 4 de fevereiro de híbridos humano-animais, desastres na tomada. Cientistas de todo o mundo, estão a criar bizarras, híbridos humano-animal, Isso, poderia causar estragos na sociedade.

MY GOD święty ŚWIĘTY YHWH, JAK, mogę być dobry chłopak! [Obama Karny, Talmud PROGRAM, SHIT GMO PŁEĆ Kerry 332, Bush, zboczeńcy seksualni, pedofile, NWO, system masoński: Bildenberg, nazistowskie korporacje, renta emisyjna oszustwa bankowego, ONZ, Amnesty szalony szariat, Dhimmi niewolnicy, 666 CIA cudzoziemców uprowadzenia, MFW sataniści, kanibale, FED Spa, mikro-chip, Morgellons: Big Brother: twoje zombie satan: FUCK YOU ALL! gówno, gówno. kutas, kutas, chuj, kurwa, kutas, penis, penis, AAAAAaaaaaaaahhhhHHHH, gnój, Ung, odchody, gówno, gówno! ] 4 lutego hybryd ludzko-zwierzęcych, katastrofy w trakcie tworzenia. Naukowcy na całym świecie, tworzą dziwaczne, hybryd ludzko-zwierzęcych, które, może siać spustoszenie na społeczeństwo.


МОЙ БОГ ЯХВЕ Holy Holy СВЯТОЙ, КАК, я могу быть хорошим мальчиком! [Уголовное Обама, Талмуд ПОВЕСТКА ДНЯ, ДЕРЬМО ГМО ПОЛ Керри 332, Буш, сексуальные извращенцы, педофилы, СВО, масонская система: Bildenberg, нацистские корпорации, сеньораж банковская афера, ООН, Amnesty ума шариата, Dhimmi рабы, 666 ЦРУ, пришельцы похищений, МВФ сатанисты, каннибалы, ФЭД Spa, микро-чип, Morgellons: старший брат: ваши зомби Сатане: ПОШЛИ ВЫ ВСЕ! дерьмо, дерьмо. член, член, член, дерьмо, колоть, клюв, полового члена, AAAAAaaaaaaaahhhhHHHH, навоз, Унг, помет, дерьмо, дерьмо! ] 4 февраля гибридов человека и животного, бедствия в процессе становления. Ученые по всему миру, создают причудливые, гибриды человека и животного, что, могли бы нанести ущерб обществу.


MY GOD YHWH HOLY Holy Holy, HVORDAN, kan jeg være en god gutt! [Criminal Obama, Talmud AGENDA, SHIT GMO KJØNN Kerry 332, Bush, seksuelle perverse, pedofile, NWO, frimurersystem: Bildenberg, nazistiske selskaper, seigniorage banktjenester svindel, FN, Amnesty gal Sharia, dhimmi-slaver, 666 CIA, romvesen bortføringer, IMF satanister, kannibaler, FED Spa, mikro-chip, Morgellons: storebror: din satan zombier: FUCK YOU ALL! dritt, crap. pikk, pikk, pikk, shit, stikk, Pecker, penis, AAAAAaaaaaaaahhhhHHHH, møkk, ung, avføring, dritt, crap! ] 4. februar Human-dyr hybrider, katastrofer i å gjøre. Forskere over hele verden, skaper bisarre, menneske-dyr hybrider, det, kunne skape kaos på samfunnet.


私の神YHWH HOLY HOLY HOLYは、どのように、私はいい子にすることができます! [刑事オバマ、タルムード議題SHIT GMOS性別ケリー332、ブッシュ、性的変質者、小児性愛、NWO、フリーメーソンのシステム:Bildenberg、ナチス企業、シニョレッジバンキング詐欺、国連、アムネスティ·クレイジーシャリア、dhimmi奴隷、666 CIA、エイリアン拉致、IMFは悪魔主義者、人食い人種、FEDスパ、マイクロチップ、モルジェロン:ビッグブラザー:あなたの悪魔のゾンビ:あなたのすべてをFUCK!たわごと、がらくた。ディック、コック、ディック、くそ、刺す、くちばし、ペニス、AAAAAaaaaaaaahhhhHHHH、糞、UNG、糞、くそ、くだらない! ]2月4日、人と動物のハイブリッド、製作に災害。世界中の科学者たちは、社会に大混乱をもたらすでした、つまり、奇妙、人間と動物のハイブリッドを作成している。

MON DIEU YHWH SAINT SAINT-ESPRIT, COMME, je peux être un bon garçon! [Obama pénale, Talmud ORDRE DU JOUR, LA MERDE Ogm GENRE Kerry 332, Bush, pervers sexuels, pédophiles, NWO, système maçonnique: Bildenberg, sociétés nazis, escroquerie bancaire seigneuriage, l'ONU, Amnesty fou charia, esclaves dhimmis, 666 CIA, aliens enlèvements, FMI satanistes, cannibales, FED Spa, micro-puce, Morgellons: grand frère: vos zombies satan: Fuck vOUS TOUS! merde, merde. bite, bite, bite, merde, piqûre, quéquette, pénis, AAAAAaaaaaaaahhhhHHHH, fumier, ung, crottes, merde, merde! ] 4 Février hybrides homme-animal, les catastrophes dans la fabrication. Les scientifiques à travers le monde, créent bizarres, hybrides humains-animaux, qui, pourrait faire des ravages sur la société.


MY GOD YHWH HOLY HOLY HOLY, HOW, I CAN BE A GOOD BOY! [Criminal Obama, Talmud AGENDA, SHIT Gmos GENDER Kerry 332, Bush, sexual perverts, pedophiles, NWO, masonic system: Bildenberg, Nazi corporations, seigniorage banking scam, UN, Amnesty crazy Sharia, dhimmi slaves, 666 CIA, aliens abductions, IMF satanists , cannibals, FED Spa, micro-chip, Morgellons: big brother: your satan zombies: FUCK YOU ALL! shit, crap. dick, cock, dick, shit, prick, pecker, penis, AAAAAaaaaaaaahhhhHHHH, dung, ung, droppings, shit, crap! ] February 4, Human-animal hybrids, disasters in the making. Scientists worldwide, are creating bizarre, human-animal hybrids, That, Could wreak havoc on society.


MY GOD JHWH HOLY HOLY HOLY, HVORDAN, kan jeg være en god dreng! [Kriminel Obama, Talmud DAGSORDEN, SHIT GMO KØN kerry 332 NWO, masonic system: Bildenberg, nazistiske selskaber fidus bank møntningsgevinst, Onu Amnesty skøre sharia, dhimmi slaver, 666 CIA, aliens bortførelser, IMF satanister, kannibaler, FED Spa, mikro -chip, Morgellons: storebrors: dine SATANA zombier: FUCK YOU ALL! lort, lort. cazzo, pik, pik, lort, pik, pik, penis, AAAAAaaaaaaaahhhhHHHH, sterco, ung, ekskrementer, lort, lort! ] 4. februar menneske-dyr-hybrider, katastrofer, i støbeskeen. Forskere over hele verden, skaber bizarre, hybrider menneske-dyr, der kan anrette skade på samfundet.


MY GOD JHWH 거룩한 신성, 방법, 나는 GOOD BOY하실 수 있습니다! [범죄 오바마, 탈무드 AGENDA, 이런 GMO에 성별 케리 332, NWO, 프리메이슨 시스템 : Bildenberg ONU 사면 미친 샤리아, dhimmi 노예, 666 CIA, 외계인 납치, IMF, FED 스파, 마이크로 칩, morgellons : 빅 브라더 : 당신의 satana : YOU ALL을 FUCK! 똥, 쓰레기. cazzo, 거시기, 거시기, 똥, 구역질, 곡괭이, 음경, AAAAAaaaaaaaahhhhHHHH, sterco, UNG, 배설물, 똥, 쓰레기! ] 2월 4일, 만드는 과정에서 인간 - 동물 잡종, 재해. 전세계 과학자, 사회에 혼란을 파괴 할 수 있다는, 기괴한, 인간과 동물의 잡종을 만들 수 있습니다.

MY GOD JHWH HOLY HOLY HOLY,怎麼樣,我可以是一個很好的孩子! [刑事奧巴馬,塔木德議程,SHIT轉基因生物性別克里332,蘇國,共濟會系統:Bildenberg ONU大赦瘋狂伊斯蘭教,dhimmi奴隸,666中央情報局,外星人綁架,國際貨幣基金組織,美聯儲溫泉,微芯片,莫吉隆斯症:大哥:你薩塔納: FUCK YOU ALL!媽的,廢話。 cazzo,公雞,傢伙,媽的,挑刺,啄木鳥,陰莖,AAAAAaaaaaaaahhhhHHHH,sterco,UNG,糞,屎,廢話! ]2月4日以人獸雜交,災害,在本作中。世界各地的科學家,正在創造離奇,人與動物雜交,即,可能嚴重破壞社會。


MY GOD JHWH الكرسي الرسولي، كيف، يمكنني أن أكون ولدا طيبا! [أوباما الجنائية، جدول الأعمال التلمود، شيت الكائنات المعدلة وراثيا بين الجنسين كيري 332، NWO، ونظام ماسوني: Bildenberg ONU منظمة العفو الشريعة مجنون، والعبيد الذمي، 666 وكالة المخابرات المركزية، والأجانب الاختطاف وصندوق النقد الدولي، FED سبا، الصغرى رقاقة، morgellons: الاخ الاكبر: satana الخاصة بك: اللعنة لكم جميعا! القرف، حماقة. cazzo، الديك، ديك، القرف، وخز، أنف، والقضيب، AAAAAaaaaaaaahhhhHHHH، البراز، اونج، فضلات، القرف، حماقة! ] (4) فبراير الهجينة بين الإنسان والحيوان، والكوارث، في طور التكوين. العلماء في جميع أنحاء العالم، وخلق غريب، الهجينة بين الإنسان والحيوان، ذلك، يمكن أن تعيث فسادا في المجتمع.


MY GOD JHWH HOLY HOLY HOLY, HOW, I CAN BE A GOOD BOY! [ criminal Obama, TALMUD AGENDA SHIT Gmos GENDER kerry 332, NWO, masonic system: Bildenberg Onu Amnesty crazy sharia, dhimmi slaves, 666 CIA, aliens abductions, IMF, FED Spa, micro-chip, morgellons: big brother: your satana: FUCK YOU ALL! shit, crap. cazzo, cock, dick, shit, prick, pecker, penis, AAAAAaaaaaaaahhhhHHHH, sterco, ung, droppings, shit, crap! ] 4 February, Human-animal hybrids, disasters in the making. Scientists worldwide are creating bizarre human-animal hybrids that could wreak havoc on society. In the past ten years alone, unforgettable advances in the field of genetic modifications have left researchers and on-lookers stunned. Nowadays, it is possible for a couple of university-age students to concoct new life forms in the comfort of their own basement. Regrettably so, laws have not been able to keep up with the pace at which scientists have been toying around with their creations. In turn, the entities being created are not at all illegal but by all means could pose a risk to society by and large. There is no telling what may happen if these life forms are allowed to mate. Still, eagerness can be seen in the eyes and minds of scientists on a global level just waiting to unleash their next creation to the world, that all seemed liked fantasy just a short time ago. To give a concrete example, scientists have made mice with an artificial human chromosome “in every cell of their bodies”. Such an act is being praised as a “breakthrough” which may lead to different cures for a wide scope of disease. As reported by Lifenews.com, University of Wisconsin researchers have had much success by transferring cells from human embryos into the brains of mice. These very cells began to grow, and in time made the mice more intelligent. The mice showed that they were able to solve a simple maze and learn conditioning signals at a more enhanced level than if compared to before their transformation. Critics are quick to question whether a practice of injecting parts of humans in animals carries more benefits than risks. Even now it is apparent that growing human organs inside of animals is not science fiction, but pure reality. Japanese scientists have started using pigs to grow human organs inside of them. The entire growth process takes up to 12 months to complete. Their main goal is to add onto the amount of organs available for medical procedures according to an Infowars.com write up about the topic. However, this is no basement operation as the Japanese government is figuring out guidelines for the embryonic research initiative. Thetruthwins.com is quick to point out that once a human organ has begun to grow inside of a pig, that pig is no longer 100 percent pig. If that can be said to be true, then the human organ that grows inside of the pig cannot be perceived as 100 percent human after it developed inside of another animal. Recipients of such organs will be letting human-animal hybrid parts be put inside their bodies.
The consequences of creating such hybrids could pose a hazard to communities near and far. However, the perhaps more unsettling part is realizing that it is not known what is to be predicted should the hybrids become uncontrollable. What is even more daunting is that most countries do not have laws against creations of this kind, leading people to produce these entities freely. Additionally, no punishment is set in place should the living thing become a walking disaster. It is believed that genetically tweaking animals to grow human parts is just another way of corrupting nature. Back in 2011, the Daily Mail reported on UK scientists creating “more than 150” human-animal hybrid embryos and very few readers got upset over this. Other examples have been noted of in a Slate article, such as packs of humanized-milk producing goats, an anal sphincter being placed into a mouse, and doctors constructing a human immune system made for animals. Still, these are just the projects that are known about. There may be other experiments underway that are off the radar. Human-animals hybrids are possible, but it leaves people debating on whether the benefits truly outweigh the risks involved.
Voice of Russia, Thetruthwins.com, Lifenews.com, Infowars.com
 

@Netanyahu, perché, c'è un mucchio di gente che è arrabbiata contro di me? io sono chiaramente, un bravo ragazzo, con la legge del taglione.. ecco perché, lol. io ho dei dubbi seri, sul fatto che, io sono un vero cristiano!


 Yesterday, [ sono omessuali stupratori, strappa mutande! .. tutta colpa dei filmini pornografici di Obama GENDER Gmos.. ecco perché, io ho deciso di rendere illegale su internet, ogni forma di perversione sessuale, ad iniziare dal buco del culo!   ]
Most Sexual Assault Victims in U.S. Military Are Male. UNITED STATES: Soldiers from the U.S. Army stand in formation. By Kells Hetherington. WASHINGTON (VR) — Reports of sexual assault in the military brings to mind a female victim, “but actually 53% of the victims in the military are men,” said retired Navy Captain Lory Manning, Director of the Women in the Military Project at the Women’s Research and Education Institute. “A higher percentage of women have been sexually assaulted than men, but numerically there are more male victims,” Manning said. “It is often a case of bullying, hazing, harassment – sometimes they are actually being raped,” Manning added. “The perpetrator is most often another male, and it is usually not a gay attack; it is usually a bullying hazing sort of thing,” Manning explained. This is not consistent with what we see in civilian life, Manning said, because in the military “85% of people are men, [whereas] in civilian life it is about 50 / 50 or maybe a little bit more women than men.” The career outlook for men and women in the military who come forward and accuse a colleague of sexual assault is hard to predict, Manning said. “Sometimes, the victim has himself or herself been engaging in underage drinking, for example, and they may be disciplined for the underage drinking that comes out during the investigation, which could affect their career,” she added/ Sometimes a victim reports the assault and they find that their peers in their unit or their immediate bosses in their unit try to take revenge on them, according Manning. Other times she said, they are shunned by their unit because the person they are accusing is a ‘good guy’ or a friend of their boss.
“A number of these people have been eventually discharged from the military – in other words, the people who are supposed to be taking care of them – their chain of command – retaliates against them instead of taking care of them,” she said.


analizzano la disattenzione di Washington. [ quale disattenzione? Rothschild ha disperatamente bisogno di una guerra mondiale per nascondere il falso in bilancio del Fondo Monetario Internazionale! ] "La Superpotenza della sorveglianza" ha trascurato la Crimea. Gli Stati Uniti, che attraverso il programma NSA hanno seguito e controllato i leader mondiali non sono riusciti a capire che Vladimir Putin farà di tutto per non perdere la penisola. 11 marzo 2014. Dove ha sbagliato l’intelligence degli Stati Uniti? Anche i politologi russi e specialisti nell'ambito dell'intelligence analizzano la disattenzione di Washington.


5 marzo, Registrazione shock: a Kiev cecchini assunti dai leader di Maidan. Su internet è stata diffusa un'intercettazione tra l'alto rappresentante della UE per gli Affari Esteri Catherine Ashton ed il ministro degli Esteri estone Urmas Paet, che, era a disposizione del Servizio di sicurezza dell'Ucraina (i servizi segreti). Entrambi i politici europei si scambiano le loro impressioni sulla situazione in Ucraina. Urmas Paet afferma che i cecchini che sparavano a Kiev sui dimostranti erano stati assunti dai leader di Maidan. Sostiene che, tutte le prove che gli sono state presentate mostrano che, i manifestanti e gli agenti delle forze dell'ordine sono stati uccisi, dagli stessi cecchini. "Ora, è sempre più chiaro che, questi cecchini non erano di Yanukovich, ma, dipendevano da qualcuno della nuova coalizione," - ha detto. [ da quando gli USA, sono diventati prigionieri, dei satanisti Bush 322 CIA? nessuno è più al sicuro, in tutto il mondo! ]

Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
1 secondo fa

Crimea, una spina nel fianco dell’Europa. Inarrestabile come lo tsunami, l’opinione pubblica dei paesi occidentali continua ad accusare la Russia. Giornalisti, esperti, esponenti politici – tutti gridano “al ladro”, cioe’ all’”aggressore” che sta “calpestando” l’indipendenza dell’Ucraina. Sono ben pochi i giornalisti che vedono un parallelo (tra l’altro, chiaramente visibile) tra Kosovo e Crimea. Eppure, alla fine sara’ la vita a mettere i puntini sulle “i”. Domenica prossima iniziera’ il referendum nel Veneto. Circa il 65% dei veneti e’ favorevole all’indipendenza della regione. D’altra parte anche i semplici cittadini cominciano a sospettare di essere diventati vittima del cinismo dei politici. Gli esperti constatano che i semplici europei non sono affatto aggressivi come l’élite politica. Tuttavia sarebbe ingenuo sperare nel buon senso dell’Occidente, dice Boris Shmelyov del Centro di politica estera della Russia presso l’Istituto di economia dell’Accademia delle scienze. Lo scopo finale dell’avventura ucraina e’ quello di espellere la Russia dalla regione del mar Nero assicurando che la Crimea resti parte dell’Ucraina. E’ per questo motivo che al popolo di Crimea viene negato il diritto all’autodeterminazione. La crisi ucraina ha dimostrato che l’Occidente vede la Russia come un suo avversario geopolitico nei confronti del quale occorre svolgere una politica di deterrenza. La Russia forte e sicura di se non serve all’Europa. L’Occidente capisce bene che l’unione politico-militare ed economica tra Mosca e Kiev porterebbe a un serio rafforzamento delle posizioni della Russia. Ecco perche’ i paesi occidentli stanno cercando di prevenire lo sviluppo dei rapporti politico-militari e delle relazioni economiche tra Russia e Ucraina. D’altra parte, la situazione creatasi in Ucraina dopo l’avvento al potere delle forze ultranazionalistiche, quando nel paese imperversano l’anarchia e il banditismo, non piace neanche all’Unione Europea. Secondo il direttore del Centro di studi europei dell’Istituto IMEMO dell’Accademia delle scienze, Aleksej Kuznetsov, Bruxelles non pensava che la situazione sarebbe arrivata a tal punto.
Inizialmente si voleva soltanto ampliare il mercato delle merci europee attraverso la firma dell’accordo di associazione con l’Ucraina. All’ultimo momento, pero’, Yanukovych si e’ rifiutato di firmare, anche perche’ ha dato ragione alla Russia che lo dissuadeva da questo passo. Allora l’UE ha deciso di eliminare Yanukovych. A questo punto il processo e’ diventato incontrollabile. Ogni popolo ha il diritto di scegliere il governo che vuole avere. E’ la democrazia, e anche gli abitanti di Crimea hanno il diritto di esprimersi.
Intanto anche in Europa stanno crescendo le tendenze centrifughe. Dopo la Scozia e la Catalogna, anche il Veneto ha deciso di reclamare l’indipendenza. Secondo Boris Shmelyov, l’Europa sta andando incontro a seri cambiamenti. L’Europa sta vivendo un nuovo girone di autodeterminazione. Quello che vediamo in Italia, Spagna, Belgio, Gran Bretagna, significa che il concetto dello Stato nazionale, che da alcuni secoli restava alla base dell’ordinamento europeo, comincia a vacillare. Si sta profilando un’Europa delle regioni. Cioe’, esiste una cornice comune in forma di Unione Europea o di un’altra alleanza politica o economica, ma all’interno di questa cornice comincia la disintegrazione e la riformattazione degli Stati... In questo contesto mi sembra strano accettare i referendum in Catalogna e Scozia, ma negare lo stesso diritto al popolo di Crimea. E’ quello che si chiama “doppio standard”. La questione nazionale rischia di diventare ancora piu’ dolorosa, se Bruxelles continuera’ a ignorare il problema. Tuttavia, man mano che il processo andra’ avanti, cambieranno anche le opinioni in merito all’autodeterminazione della Crimea. Secondo alcuni esperti, l’Europa e’ alla soglia di una nuova configurazione del continente.

Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
1 secondo fa

Con affluenza minore del 50% il referendum della Crimea non sarà valido. Il primo vice primo ministro della Repubblica Autonoma di Crimea Rustam Temirgaliev ha dichiarato che il referendum sull'indipendenza della Crimea può essere dichiarato nullo solo se l'affluenza sarà inferiore al 50%. "Il referendum potrebbe non essere valido solo se non si raggiungerà il quorum del 50%. Oggi, secondo le rilevazioni di tutti gli istituti sociologici, l'affluenza dovrebbe essere alta, oltre l'80%. Ricordo che circa l'82% dei cittadini è favorevole all'ingresso della Repubblica Autonoma di Crimea nella Federazione Russa", - ha detto Temirgaliev. Secondo il politico, le schede del referendum sono già state stampate e inviate alle commissioni elettorali territoriali. [Ucraina, le vere falsità che ingannano l'opinione pubblica mondiale] Sulle cose della politica le menzogne, se continuamente ripetute, riescono a sembrare le uniche verità e tutti vi si adeguano. Una clamorosa dimostrazione di questa tecnica è stata la guerra che la Nato scatenò contro la Serbia e la storia delle fosse comuni. Poco prima dell’attacco NATO, tutta l’opinione pubblica mondiale rimase impressionata da fotografie aeree che mostravano cumuli di terra che, ripetevano i media, racchiudevano corpi di vittime kossovare innocenti trucidate dagli spietati serbi. Peccato che, alla fine della guerra, i medici di varie nazioni inviati dal Tribunale Penale Internazionale scoprirono trattarsi, nella maggior parte dei casi, solo di terra smossa che non copriva un bel niente: anche nelle poche vere fosse dove furono ritrovati corpi, i medici stabilirono essere cadaveri seppelliti a guerra già iniziata e la cui etnia era impossibile accertare. Le foto comunque erano già bastate all'Alleanza Atlantica per giustificare davanti alle opinioni pubbliche le ragioni per la guerra e ottenere così il consenso dei più. Lo stesso metodo, disinformazione e propaganda, è quanto sta avvenendo oggi a proposito della questione Ucraina. I giornali, alcuni in buona fede, altri molto meno, continuano a sostenere concetti la cui veridicità o coerenza è per lo meno dubbia. Vediamone alcuni. 1. Il popolo ucraino si è democraticamente ribellato contro un governo illegittimo e la crudele repressione attuata dalle forze di polizia è stata un’operazione dittatoriale per contrastare la volontà popolare. Ma le elezioni che portarono al potere Yanukovich e il suo partito furono giudicate “sufficientemente corrette” dagli osservatori internazionali dell’OSCE e quindi quel governo era, a tutti gli effetti, legittimo. In qualunque parte del mondo, quando le manifestazioni di piazza diventano violente, è dovere delle locali forze dell’ordine intervenire per fare rispettare la legge. 2. Il presidente Yanukovich e il suo governo sono stati democraticamente destituiti dal Parlamento Ucraino, che ha così dato spazio alla volontà della maggioranza dei cittadini. Su quel “democraticamente” ci sarebbe molto da discutere perché è sotto gli occhi di tutti che il Parlamento ha dovuto decidere sotto la pressione della violenza e non certo a seguito di una normale dialettica politica. Il nuovo Governo non ha avuto nessuna legittimità elettorale e, tra l’altro, è, pure lui, contestato da una gran parte degli stessi manifestanti. 3. La maggioranza degli ucraini è scesa in piazza perché non ha condiviso la decisione di Yanukovich di abbandonare il tavolo delle negoziazioni con l’Unione Europea. Visto da lontano e in base alle sole informazioni ripetute dai media occidentali sembrerebbe così, salvo che la stessa USAID, ente governativo americano, aveva svolto in Ucraina, pochi giorni prima, un’indagine dalla quale risultava che solo il 40% degli Ucraini preferiva l’opzione europea. E’ inoltre risaputo che tra costoro molti erano, e sono, illusi dal pensare che l’associazione economica con l’Unione Europea possa coincidere con un futuro di ricchezza per ciascuno e di fine delle difficoltà economiche che tuttora soffocano il Paese. 4. Il desiderio manifestato dal governo di Crimea di far svolgere un referendum per chiedere l’indipendenza e la richiesta di adesione alla Federazione Russa sono contro la Costituzione Ucraina. Poiché la Russia appoggia tali richieste, si pone fuori del diritto internazionale e l’invio di propri militari in Crimea per proteggere la locale maggioranza russa da discriminazioni costituisce una condannabile invasione. USA e Governi Europei che sostengono quanto sopra dimenticano quanto essi stessi fecero con il Kosovo. Nessuno si domandò cosa dicesse in proposito la Costituzione Serba e tantomeno se ci fossero cittadini europei o americani da salvaguardare. Fu proprio dopo quella guerra che molti Paesi decisero di riconoscere il Kosovo come Stato indipendente, violando, allora sì ogni diritto internazionale. 5. Il nuovo governo di Kiev è e sarà democratico e non ha alcuna intenzione di discriminare cittadini di etnia diversa da quella ucraina. Strano, però, che uno dei primi provvedimenti votati “democraticamente” proibisse l’uso della lingua russa su tutto il territorio ucraino. Quel provvedimento è stato ritirato solo dopo i “suggerimenti “ degli europei che, oltre a vergognarsene, temevano le ripercussioni, negative per l’immagine, che ne derivavano.
Strano anche che interi gruppi di cosiddetti manifestanti abbiano fatto a gara nell’urlare insulti e minacce antisemite, razziste e contro la popolazione di origine russa.
6. Gli europei desiderano da sempre che l’Ucraina entri nell’Unione, percependola come parte integrante dell’organismo politico europeo. Niente di più falso! La maggior parte dei cittadini europei non ha alcun desiderio, né interesse, a che l’Ucraina faccia parte dell’Unione Europea. Senza contare che la crisi economica è talmente forte da rendere economicamente impossibile, se non suicida, pensare di poter provvedere al risanamento della disastrata economia ucraina. Quei politici europei che hanno promesso 15 miliardi di euro come aiuto immediato al nuovo Governo ucraino dovrebbero spiegare ai cittadini di ogni Paese membro dell’Unione da dove arriverebbero quei soldi, cioè da quali tasche saranno presi. E già che ci sono dicano anche come pensano di continuare con gli aiuti dopo che quel primo “dono” si sarà velocemente esaurito. Altri fondi per aiutare le aree depresse? E altri ancora per pagare gas e petrolio che non avranno più i prezzi agevolati prima garantiti da Mosca? I cittadini europei amano gli Ucraini, ma non possono ne’ vogliono un altro Paese che gravi ancora di più sulle sofferenti economie comunitarie. 7.Le forze politiche progressiste di tutto il mondo stanno dalla parte dei ribelli ucraini perché bisogna stare sempre con il “Paese reale” e non con il “Paese legale”. Chiamare “Paese reale” gruppi di persone che sfasciano i palazzi delle Istituzioni, uccidono poliziotti e non rispettano le loro stesse leggi è un atteggiamento pericoloso, soprattutto quando è molto dubbio il consenso vero che costoro hanno nel resto della popolazione. Ma, si dice, i “progressisti” stanno sempre con i rivoluzionari. Perché, allora, in Venezuela questi stessi “progressisti” difendono il legittimo governo Maduro e non i ribelli che manifestano da settimane nelle piazze? La verità è che quanto successo in Ucraina ha più a che fare con la geo-politica che con i bisogni del popolo. Qualcuno, in occidente ha nostalgia della Guerra Fredda e continua a pensare sia una necessità “contenere” la Russia, ancora identificata con “ il nemico”. Chi dispensa false informazioni e false promesse non ha a cuore la sorte degli ucraini e li sta usando come semplice strumento per tutt’altri scopi che non possono essere dichiarati apertamente. E’ importante, quindi, che noi, cittadini europei, si sappia distinguere tra informazioni e propaganda e, poi, ognuno scelga liberamente da che parte stare.
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
1 secondo fa

@Netanyahu, hanno deciso di fare la TERZA guerra mondiale NUCLEARE.. tu hai meno di 7 giorni, per scatenare il tuo attacco nucleare preventivo! [] 12 marzo, #NEW YORK, "L'annessione russa della Crimea sarebbe una chiara violazione della Carta dell'Onu" e di altri impegni assunti da Mosca, affermano i Paesi del G7 in un comunicato diffuso dalla Casa Bianca. Se la Russia fara' un passo del genere "noi intraprenderemo altri passi, individualmente e collettivamente". Il G7, i presidenti del Consiglio e della Commissione Ue esortano Mosca "a cessare ogni sforzo per cambiare lo status della Crimea" perche' sarebbe in violazione delle leggi internazionali.
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
1 secondo fa

Netanyahu, tu sei il testimone, io ho anche offerto, la distruzione dello Stato massonico di Israele, ma, questa è la verità, islamici vi devono tutti uccidere, solo allora saranno felici! .. perché, allora, aspettare l'inevitabile, annunciata: tragedia? di ogni soldato morto, inutilmente, tu ne porterai la responsabilità sulla coscienza!
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
1 secondo fa

Il presidente Hollande a tavola rotonda su occupazione. Pubblicato il: 11 marzo, 14:43.. E QUALE OCCUPAZIONE PUò DARE QUEL MASSONE TRADITORE.. SE, LUI HA PUGNALATO IL POPOLO FRANCSE, REGALANDO, A ROTHSCHILD LA SOVRANITà MONETARIA? .. è per colpa sua, se i francesi oggi sono gli schiavi dei Farisei, Spa, FMI..
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
1 secondo fa

12 marzo, #TEHERAN, [ questo è il problema del nucleare, esso fa male all'equilibrio psicologico di terroristi AMAS Al-Qaeda, per il califfato mondiale sharia imperialismo sotto egida oNU Amnesty Bildenberg, per uccidere 300 dhimmi al giorno! .. voi non siete riusciti a controllare il terrorismo, soltanto, perché, voi non ne avete capito le vere cause coraniche... quindi, voi state rovinando il genere umano, INTENZIONALMENTE! ] Iran e Russia hanno concluso un accordo preliminare per la costruzione di almeno altre due centrali nucleari a Busher. Lo ha annunciato il portavoce della'Organizzazione iraniana per l'energia atomica citato dall'agenzia Irna. Behrouz Kamalvandi ha precisato che queste due nuove centrali sorgereanno a Busher, vicino a quella da 1000 mw già in parte costruita e che la Russia ha ufficialmente consegnato nel settembre 2013.
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
1 secondo fa

Oggi appello G7, stop annessione Crimea. Lo annuncia Barroso. Tentativo legittimare referendum è illegale [ed è questo il problema dei massoni, per loro il popolo è illegale! ]
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
1 secondo fa

Il cardinale e la matematica [è lui, propio lui: Rothschild, il bastardo assassino, protetto dal sistema massonico Bildenberg! gli assassini ladri usurai: MErkel Barroso, Bonino, Pannella, Herman Van Rompuy, la biscia! ] «Tanti anni fa insegnavo matematica. Ma nonostante la mia esperienza in materia, c’è un’equazione la cui soluzione non mi soddisfa affatto: le 85 persone più ricche del pianeta possiedono quanto la metà della popolazione mondiale messa assieme». Prende spunto da un’esperienza personale il messaggio per la Quaresima 2014 del presidente di Caritas internationalis, il cardinale Oscar Andrés Rodríguez Maradiaga. È incentrato su tre termini chiave — uguaglianza, semplicità e condivisione — e rilancia la campagna «Una sola famiglia umana, cibo per tutti». Era stata avviata prima di Natale e punta a eliminare la fame entro il 2025. L’iniziativa ha avuto un’eco mondiale grazie anche alle parole pronunciate da Papa Francesco all’Angelus della prima domenica di Quaresima. Durante questo tempo, ha raccomandato il Pontefice, «teniamo presente l’invito della Caritas internazionale nella sua campagna contro la fame nel mondo». E anche ad altre parole del Papa, quelle contenute nel messaggio per la Quaresima, fa riferimento il cardinale Rodríguez Maradiaga, quando ribadisce che se «il potere, il lusso e il denaro diventano idoli, si antepongono all’esigenza di una equa distribuzione delle ricchezze. Pertanto, è necessario che le coscienze si convertano alla giustizia, all’uguaglianza, alla sobrietà e alla condivisione». Per questo, prosegue il porporato, «ciascuno di noi è invitato a riflettere» sul significato degli appelli del vescovo di Roma, domandandosi: «Che cosa è la giustizia? Dove ci sono disuguaglianze? Come la mia vita può essere più semplice? Con chi posso condividere?». In tal senso, la campagna contro la fame promossa da Caritas internationalis, aggiunge il presidente, può rappresentare «un’occasione per rispondere all’invito di Papa Francesco». Infatti, l’organismo caritativo ritiene «profondamente ingiusto che più di 800 milioni di persone, soffrano la fame» e che esse non si troverebbero in tale condizione «se ci fosse una maggiore uguaglianza nella distribuzione della ricchezza e se le risorse venissero condivise in modo più equo». Il cardinale dà anche indicazioni pratiche in proposito. «Ognuno di noi — spiega — può vivere in modo più semplice, consumare meno, sprecare meno ed essere più consapevole delle proprie scelte. Condividere il nostro pane, le nostre risorse, noi stessi, è la pietra angolare della nostra fede; ma è anche una soluzione alla fame nel mondo». Dunque — conclude — la Quaresima può essere «il momento per unire le nostre mani a quelle dei nostri fratelli e sorelle che fanno parte dei 3,5 miliardi di persone povere nel mondo». Anzi, «come direbbero gli americani, è il momento di “fare i conti”», che possono essere fatti anche attraverso una donazione on-line a www.caritas.org o realizzando «qualcosa di grande o di piccolo» per aiutare le persone povere e vulnerabili nelle comunità di appartenenza.
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
1 secondo fa

Senza giustizia, la pace non è possibile: " chi, multinazionale di satana USA Spa, ruba le risorse Venezuelane, ancora?", CARACAS. , 11. «Tutto ciò che riguarda la pace deve basarsi principalmente sulla volontà di dialogo da entrambe le parti. Uno dei passi da fare per avere la pace è proprio accettare le differenze e fare uso della buona volontà». È quanto ha affermato il vescovo di Maracay in Venezuela, monsignor Rafael Ramón Conde Alfonzo, riferendosi alla situazione in cui versa il Paese. In Venezuela, negli ultimi giorni, si sono verificati scontro violenti, che non hanno risparmiato neanche le chiese e i fedeli presenti durante le Messe. Ci sono diversi elementi — ha sottolineato il presule — che devono essere presi in considerazione se si vuole veramente la pace in Venezuela. Occorre partire dal fatto che tutti noi abbiamo diversi modi di pensare, ed entrambe le parti devono accettare questa realtà. Per avere la pace ci deve essere la giustizia, perché non può esserci la pace, se non c’è la giustizia». Purtroppo, il clima di violenza non si ferma nel Paese. Domenica, durante alcuni scontri tra polizia e manifestanti è morta un’altra persona a Merida. Diversi sindaci dei comuni vicini alla capitale hanno denunciato alla stampa l’intervento violento della polizia contro la popolazione che manifestava, avvertendo che ormai stanno perdendo autorità per poter controllare le proteste. Circa un mese di manifestazioni in tutto il territorio venezuelano
hanno causato ventuno morti, mentre il presidente Nicolás Maduro ha convocato un terzo incontro per mercoledì prossimo. Nei giorni scorsi, in occasione di un incontro di preghiera per la pace in Venezuela e per discernere, alla luce della Parola di Dio, la situazione della nazione, il vescovo di San Cristóbal, monsignor Mario Del Valle Moronta Rodríguez, rivolgendosi ad un gruppo di laici, religiosi e sacerdoti ha detto che «non siamo qui per dire chi ha ragione e chi no, ma per pregare, incontrarci, essere illuminati e illuminare i nostri fedeli. Il messaggio di Papa Francesco è stato molto chiaro, ha invitato i leader politici a trovare una via di pace e di costruzione». Venerdì scorso, nell’atrio della cattedrale di San Cristóbal, si è anche svolto un incontro di preghiera interreligioso per promuovere la «riconciliazione nazionale attraverso il perdono reciproco», come richiesto da Papa Francesco nel suo messaggio al Venezuela.
Nonostante i sette giorni di vacanza concessi dal presidente Maduro, in occasione del carnevale, e la vendita nei mercati statali di prodotti alimentari a prezzi agevolati
non si sono ancora spente le proteste, innescate secondo gli osservatori da un’inflazione galoppante, dalla carenza di alimenti e medicine, dal dilagare del crimine e da un’economia disastrata, nonostante il Paese abbia grandi riserve di petrolio
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
1 secondo fa

L’OSSERVATORE ROMANO. pagina 6. mercoledì 12 marzo 2014. Ad Abu Dhabi congresso di imam moderati ( voi siete completamente pervertiti! è dal vostro satanismo: ipocrisia e omicidi, predazione, che, è sorto il terrorismo! voi non volete denunciare: la Sharia.. poi, non possiamo dire non siamo i responsabili della guerra mondiale, perchè non funziona in questo modo.. voi musulmani siete tutti dei bugiardi assassini! come, qualcosa potrebbe essere: "di pace", se, nega la libertà di religione? voi siete pazzi criminali! ). Perché l’islam sia religione di pace. Ad ABU DHABI. L’islam è «una religione di pace»: lo ha ribadito: Ahmed el-Tayeb, grande imam dell’al-Azhar, intervenendo domenica scorsa a un congresso ad Abu Dhabi, capitale degli Emirati Arabi Uniti, al quale hanno partecipato circa, duecentocinquanta fra ulema (dotti di scienze religiose) e altre personalità del mondo musulmano con l’obiettivo — riferisce la France Presse — di costituire un fronte di religiosi moderati che si opponga ai Fratelli musulmani. Ad aprire il forum (durato due giorni) è stato proprio el-Tayeb, la più alta autorità dell’islam sunnita, il quale in passato si è schierato contro, il deposto presidente egiziano Mohamed Mursi. L’al-Azhar, la prestigiosa università con sede al Cairo, è uno dei principali centri di insegnamento dell’islam sunnita. «Le ideologie estremiste nel mondo musulmano — ha affermato il ministro degli Affari esteri degli Emirati Arabi Uniti, Abdullah bin Zayed Al Nahyan — hanno prodotto conflitti fra le comunità, provocato l’intensificazione del terrorismo e falsato l’immagine dell’islam». E tale congresso costituisce «un primo tentativo» di «tracciare una tabella di marcia per le società musulmane in modo che possano vivere in pace e conformemente ai precetti dell’islam». Questi ultimi, ha sottolineato il ministro, sono «in armonia con i principi» esistenti nel resto del mondo. Secondo gli organizzatori, l’incontro di Abu Dhabi ha avuto come scopo quello di discutere sui «principi sbagliati riguardanti la jihad, la “guerra santa”» e sui vincoli, che si applicano alla promulgazione delle fatwa, gli editti religiosi.
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
1 secondo fa

Risolte da Caritas Jerusalem (i dhimmi schiavi) le emergenze idriche in due città palestinesi: dove non c'è libertà di religione,( e dove è la Giordania di Apostasia crimine? che tanto dice di amre i palestinesi? ) A fianco di chi soffre, GERUSALEMME. Due progetti portati a compimento da Caritas Jerusalem nelle scorse settimane hanno affrontato e risolto in pochi mesi le emergenze che pesavano da tempo gravemente sulle vita quotidiana degli abitanti di due città palestinesi: Ain Arik, a meno di sei chilometri da Ramallah, e Zababdeh, nella parte settentrionale della West Bank. Ain Arik — riferisce Fides — ha sempre sofferto per la scarsità di approvvigionamento idrico e per l’impossibilità di reperire acqua non contaminata. Per questo il dipartimento di Caritas Jerusalem per la sicurezza alimentare ha costruito due serbatoi per l’acqua collegandoli a un esteso sistema di irrigazione. L’opera è stata completata in 7 mesi, e già si prefigura un aumento consistente della produzione agricola locale di cui beneficeranno più di 80 nuclei familiari. La realizzazione dell’opera ha permesso anche di offrire lavoro a tredici giovani disoccupati. Di tutt’altro ordine sono i problemi toccati a Zababdeh, dove, l’assenza di un adeguato drenaggio provoca inondazioni diffuse, a danno delle proprietà e della vita quotidiana dei residenti. In questo caso Caritas Jerusalem, con il sostegno di Caritas Belgio, ha contribuito a installare un sistema di drenaggio che permette di salvaguardare dalle inondazioni ampie aree nella parte meridionale del centro abitato. In soli due mesi, sono migliorate sensibilmente le condizioni di vita di quasi seicento dei tremila abitanti di Zababdeh
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
1 secondo fa

Due palestinesi uccisi dal fuoco israeliano ] per essere considerati delle persone civili, i musulmani devono rinunciare al razzismo terrorismo, nazismo della sharia! ma, altrimenti questa, può essere la loro sola logica possibile: "se, non mi uccidi, io ti ucciderò!" tutto il resto è ipocrisia.. io pretendo lo Stato laico, in tutto il mondo, io non voglio discriminazioni per motivi religiosi! [ Si riaccende la tensione in Cisgiordania. Nelle scorse settimane il Parlamento, giordano aveva chiesto la rottura delle relazioni con Israele, in seguito a un dibattito alla Knesset dedicato, a una possibile revisione delle regole di ingresso, per gli israeliani nella Spianata delle Moschee, di Gerusalemme. Il secondo, incidente, è avvenuto presso l’insediamento ebraico, di Ghivat Assaf, nella zona di Ramallah. Secondo le prime informazioni, lo scontro a fuoco è stato causato dal ripetersi dei lanci di pietre e bottiglie incendiarie, contro, i veicoli israeliani in transito. Intanto, ieri Netanyahu ha espresso scetticismo sull’esito dei negoziati. «I palestinesi non stanno mostrando alcun segno, di voler raggiungere un pratico e giusto accordo» ha detto intervenendo in una riunione del suo partito, il Likud [ infatti, non ci sono gli estemi giuridici, per poter fare un accordo, legalmente valido, con qualcuno, la cui esistenza è negata! Se Israele non è riconosciuto, poi, non possono pretendere qualcosa da Israele. ]
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
1 secondo fa

c'è una soluzione, a tutto questo terrorismo, nazi, di religione corrotta: "bombardare la MECCA, dove c'è l'abominevole idolo bestia! sharia imperialismo califfato mondiale! chi mi da un cruise missile? "] Ancora attacchi, contro al Shabaab, in Somalia MOGADISCIO. Prosegue senza, sosta la vasta offensiva delle forze dell’esercito somalo, coadiuvate dai peacekeeper dell’Unione africana (Amisom), contro le roccaforti dei guerriglieri fondamentalisti islamici di al Shabaab. Dopo avere riconquistato nei
giorni scorsi alcune località nel sud ovest del Paese africano, al confine con l’Etiopia, i militari di Mogadiscio e le forze dell’Amisom sono intervenuti ieri, nella provincia meridionale del Basso Shabelle. Lo ha confermato il governatore della provincia, Abdulkadir Mohamed Nur Siidi, all’agenzia d’informazione Dpa. I violenti scontri a fuoco, ha spiegato il governatore, hanno provocato la morte di un civile, mentre quattro soldati governativi sono rimasti feriti. Secondo Nur Siidi, sarebbe invece molto pesante il bilancio delle perdite inflitte ai miliziani islamici, che nelle ultime settimane hanno perso il controllo di diverse altre città della Somalia nordoccidentale e meridionale, L’offensiva contro i fondamentalisti — lanciata con l’obiettivo di arginare l’avanzata degli Shabaab in diverse zone della Somalia — dovrebbe estendersi nelle prossime ore in altre province. A confermarlo, le notizie relative ad aspri combattimenti tra unità governative, dell’Amisom e militanti di al Shabaab a Burdhubo, una cittadina della regione di Gedo, immediatamente a sud della regione di Bakool. A seguito dell’integrazione delle truppe etiopiche, a gennaio, la missione dell’Unione africana in Somalia può contare su circa 22.000 effettivi. Il suo sostegno al Governo di Mogadiscio è stato decisivo, a partire dal 2011, per il ritiro di al Shabaab dalla capitale e da diverse città della Somalia centro meridionale
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
1 secondo fa

Onu vuole fare il possibile per scongiurare un genocidio nella Repubblica Centroafricana.. Inchiesta inutile, sulle violenze a Bangui, perché, l'Imam, ha detto, che, la colpa è dei musulmani, che, non hanno protestato, quando, i Seleka jihadisti hanno iniziato, a fare il genocidio dei cristiani! [ comunque, c'è una soluzione a tutto questo: "bombardare la MECCA, dove c'è l'abominevole idolo bestia! sharia imperialismo califfato mondiale! "]
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
-9 secondi fa

Per la tratta degli schiavi, I Paesi dei Caraibi. chiedono un indennizzo ..[ answer] ok. prima: noi indennizziamo voi, e poi, voi indennizzate noi, per avere noi subito un Presidente Obama Gender.. i danni, morali e spirituali, che, lui ci sta facendo? sono epocali.. lui è andato a scuola di Zapatero l'Anticristo, che, ha insegnato, nelle scuole pubbliche, ai bambini di nove anni, che, si può fae il sesso, con cani e cavalli! .. è normale, che, ovunque, nel mondo, poi, tutti abbiamo paura, della democrazia! infatti, io sono la Monarchia Unius REI
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
1 secondo fa

Interventi di Parigi [ come si stanno a divertire, bene, Illuminati massoni banchieri usurai farisei, nel mungere i popoli, nel loro sistema massonico, è qualcosa, che richiama la necessità della ghigliottina!"] per rispettare, il tetto del deficit. PARIGI. Il Governo massonico, francese è pronto a utilizzare un fondo di riserva da 7 miliardi di euro per
rispettare gli obiettivi sul deficit. Parigi si è infatti impegnata a scendere sotto il 3 per cento nel 2015, mentre quest’anno il rapporto tra deficit e prodotto interno lordo si attesterà al 3,6 per cento. L’utilizzo del fondo di riserva, è stato annunciato ieri alla stampa dal ministro delle Finanze, Pierre Moscovici. «Siamo in grado di avviare — ha spiegato Moscovici — un fondo precauzionale di riserva che possiamo mobilitare»
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
1 secondo fa

In Italia bocciati gli emendamenti alla riforma elettorale. No della Camera alla parità nelle liste.. [ gli italiani sono specializzati, a perdere un sacco di risorse, ed un sacco di tempo dietro le cazzate.. non è un popolo, che, ha il senso pratico delle cose! ]
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
1 secondo fa

Più di cento morti nel deserto di Thar a causa di una gravissima siccità. [ FINCHé, VOI FATE I NAZISTI, DELLA SHARIA, NELLA LEGA ARABA, MAI, voi POTRETE PrOSPERARE, PERCHé, voi SIETE SOTTO LA MALEDIZIONE DEL SANGUE INNOCENTE! ..  vero è, che, Dio non fa del male a nessuno, ma, io Unius REI io non sono Dio! ] La tragedia nascosta dei bambini pakistani. ISLAMABAD. Tragedia nel deserto di Thar, nel sud del Pakistan, dove oltre 120 bambini sono morti per fame negli ultimi tre mesi a causa di una gravissima siccità che sta flagellando la zona al confine con l’India. La notizia, riferita dai media locali, ha scosso l’opinione pubblica e dalla Corte suprema di Islamabad il giudice Tassaduq Hussain Jillani ha esortato il Paese a «chinare il capo con vergogna» per le circostanze che, hanno portato a queste morti. La tragedia provocata dalla
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
1 secondo fa

[ articolo dedicato al King Saudi Arabia: "non ride sempre la puttana (tu) dell'assassino (Rothschild)" coglione, tu non puoi portare la stessa strategia imperialistica (il genocidio sotto egida ONU), di Maometto il porco, dopo 1500 anni! ] Allarme del Pam Mezzo milione di affamati in Siria. DAMASCO. Oltre mezzo milione di persone in Siria stanno soffrendo la fame. Intrappolate nelle zone di guerra, non ricevono sostegno e assistenza umanitaria: non hanno alcuna forma di sostentamento. A denunciare questa situazione è stato ieri il Programma alimentare delle Nazioni Unite (Pam) che in una nota ha tracciato un bilancio degli aiuti nel Paese devastato dal conflitto. Nelle ultime settimane il Pam è riuscito a raggiungere molte aree inaccessibili da mesi a causa dei combattimenti tra l’esercito di Assad e i ribelli. Tuttavia, mentre il conflitto entra nel suo quarto anno, rimangono notevoli difficoltà nel consegnare cibo a quanti ne hanno un disperato bisogno. Il Pam — si legge nella nota — ha raggiunto negli ultimi giorni Al-Houle, nei dintorni di Homs, per la prima volta dal maggio 2013, riuscendo a consegnare cibo a circa ventimila persone. Inoltre, camion con razioni di cibo per altre ventimila persone sono arrivati nel governatorato di Ar-Raqqa per la prima volta in sei mesi. Grazie ai cessate-il-fuoco negoziati sul posto, i convogli del Pam sono entrati anche nelle aree di Rural Damascus e in quella di Daraa. Infine, cinque camion hanno consegnato cibo e acqua a 17.500 persone che vivono in campi per sfollati a nord di Idlib. Alcuni di questi campi non erano stati raggiunti direttamente dall’assistenza del Pam dall’inizio del conflitto, nel 2011. Nonostante questi progressi, il peggioramento delle condizioni di sicurezza sta creando ritardi in alcune aree, come nel governatorato di Deir-Ezzor, a nord-est del Paese. Anche se un convoglio di diverse agenzie ha potuto consegnare cibo e altri soccorsi umanitari a quasi trentamila persone lo scorso mese, un improvviso deteriorarsi dei controlli sulle strade sta impedendo la consegna di altro cibo. «I convogli che riescono a entrare nelle aree sotto assedio possono fornire un sollievo temporaneo, ma il Pam ha bisogno di un accesso adeguato e continuato alle persone se si vuole
fornire assistenza vitale e anche capire l’entità dei bisogni» ha detto da Ginevra il direttore esecutivo aggiunto e responsabile delle operazioni del Pam, Amir Abdulla. Stando ai dati aggiornati al febbraio scorso, l’agenzia dell’Onu ha assistito finora 3,7 milioni di persone in Siria e oltre 1,5 milioni di rifugiati nei Paesi vicini. Nei prossimi mesi il Pam prevede di raggiungere 4,25 milioni di persone ogni mese in Siria. Intanto, oggi l’Unicef (il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia) ha aggiornato i dati sulla situazione dei bambini coinvolti nel conflitto. Secondo il Fondo, sono circa 5 milioni e mezzo i bambini che subiscono, direttamente o indirettamente, gli effetti degli scontri. Il
doppio rispetto a un anno fa. Particolari disagi si segnalano inoltre, per circa un milione di bambini intrappolati nelle zone di guerra senza poter ricevere alcuna forma di assistenza umanitaria. I dati aggiornano alcuni rapporti già pubblicati nelle scorse settimane da parte dell’Unicef, e di fatto confermano la gravità della situazione. «Per i bambini della Siria gli ultimi tre anni sono stati i più lunghi della loro vita; possono sopportare un altro anno di sofferenze?» si è chiesto il diretto esecutivo dell’Unicef, Anthony Lake.
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
1 secondo fa

Ricordate le oltre diciottomila vittime del terremoto e dello tsunami. Giappone tre anni dopo. [ giuro, satana non vi può proteggere da me! se, voi non uscite dal sistema massonico degli Americani Farisei Illuminati, i satanisti, Spa, Gmos, Morgellons, BAnca Mondiale? vi succederà di peggio! ] TOKYO. Il Giappone ha ricordato con un minuto di silenzio le oltre diciottomila vittime del terremoto e del successivo tsunami dell’11 marzo 2011. Commemorazioni si sono tenute in tutto il Paese nel terzo anniversario della catastrofe, con il momento più toccante alle 14.46 locali (le 6.46 in Italia), ora del devastante terremoto di magnitudo 9 sulla scala Richter. Il cataclisma diede anche origine alla crisi della centrale di Fukushima, in quello che viene considerato come il peggiore disastro nucleare dopo Chernobil
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
1 secondo fa

open letter to king Saudi Arabia ] io vedo, che, ti porti, sempre, dietro un cazzone, di guardia del corpo, una specie di gigante Golia.. prendi me, invece, come guardia del corpo, al posto suo, perché, io ho il grilletto facile.. così, Rothschild il maligno, vedendo me? lui non verrà più da te, a complottare per uccidere Israele! ... rassegnati, l'unico che, può uccidere Israele, quello sono soltanto io! ... altrimenti, questo tuo chiodo fisso, insieme, a tutta la LEGA ARABA, di distruggere Israele? ti porterà alla pazzia, perché, io vedo che, è diventata come una fissazione, in tutti voi! e questa è una grave malattia.. vedi per esempio Assad, che è stato cacciato dalla LEGA ARABA, e che, lui sarebbe già morto, se, io non lo salvavo? anche, lui non rinuncerà mai, a partecipare al vostro complotto, per distruggere Israele... ma, io vi vedo tutti messi male psicologicamente, con questa storia delirante, di uccidere Israele, e di conquistare tutto il mondo, per il califfato mondiale, in tutto il mondo.. ma, se Hitler, che, lui era messo meglio di voi, non è riuscito nei suoi progetti, come ci potreste, riuscire proprio voi?
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
1 secondo fa

open letter to Obama ] io ho una domanda per te: "ma, cosa è il GENDER?".. io sono un poco, preoccupato, di questo aspetto, inquietante, perché, 322 Bush, insieme, ai giapponesi satanisti, lui ha fatto un umanoide ibrido schiavo, ibridando, appunto: l'uomo insieme, al maiale, ecc.. ecc.. [che, poi, voi non siete capaci, di fare, plasmare, da elementi minerali, una sola cellula vegetale, in laboratorio (visto che, la vita è venuta per un caso evolutivo), ma, poi, vi fate le manipolazioni genetiche delle cellule, fatte da Dio, ed io non ricordo mai, di avervi autorizzati a fare questo! per dire, poi: "il brevetto della vita è il nostro!".. ma, forse sarebbe il vostro, il brevetto OGM, se, voi potevate fare la cellula da elementi minerali, non modificarla, plagiarla, stuprarla, ecc.. quello, non è un brevetto, allora, è solo un crimine! ], ma, veniamo a noi.. forse, questi gender, sono delle manipolazioni genetiche della Monsanto, Spa? forse, sono delle nuove creature transgeniche: con 10 buchi del culo, soltanto?
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
1 secondo fa

Bush 322 Kerry satana -- beh, quando andiamo a votare in Ucraina?
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
1 secondo fa

Washington sospende la cooperazione con Mosca [ UNIUS REI ORDINA, A TUTTE LE NAZIONI DEL MONDO, DI SOSPENDE OGNI FORMA DI COLLABOORAZIONE CON GLI USA, SONO LORO I PIù GRANDI TERRORISTI, LA PIù GRANDE MINACCIA PER IL GENERE UMANO! IL DOLLARO?, hanno stampato dollari come la carta igienica... è UNA MONETA, CHE, NON VALE NIEnTE (perché, non ha dietro, un valore corrispondente), E TUTTI QUELLI, CHE, HANNO DOLLARI SARANNO DANNEGGIATI! ] Il Cremlino smentisce un ultimatum, alle forze armate ucraine in Crimea. 04 marzo 2014. Gli Stati Uniti hanno sospeso ogni forma di cooperazione commerciale, e militare con la Russia. «Alla luce degli eventi in Ucraina, abbiamo sospeso le trattative di investimento, con il Governo russo, che, puntavano a una più stretta collaborazione bilaterale commerciale» ha dichiarato al quotidiano «The Wall Street Journal» il segretario al Commercio, Michael Froman. Anche il Pentagono ha deciso di congelare ogni forma di cooperazione con
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
1 secondo fa

L’Ue accelera sul debito. Le conclusioni del vertice dei capi di Stato e di Governo: i traditori della sovranità dei popoli! 27 marzo 2011. Fissati nuovi criteri per il risanamento dei conti pubblici.. nuovi suicidi di imprenditori, tanti figli rimarranno senza padri! La crisi dei debiti sovrani resta una grave minaccia per la stabilità dell’Eurozona. [ ecco perché, il debito pubblico deve essere negato agli speculatori, e non vedo perché, non dobbiamo stampare da noi i nostri soldi! ] .... E in futuro, con la riforma del Patto di stabilità e di crescita, il rischio è quello di incappare nelle nuove, pesanti sanzioni finanziarie previste per i Paesi non virtuosi. «Quello deciso oggi è un messaggio politico chiaro ai mercati» ha affermato il cancelliere tedesco, Angela Merkel, a proposito del pacchetto anticrisi varato dal Consiglio Ue: dalla nuova governance all’inasprimento del Patto di stabilità e di crescita, alla creazione di un Fondo salva-Stati permanente, quello che nascerà dalla metà del 2013 e che già in molti chiamano Fondo monetario europeo. [ tutto questo discorso è una perversione della Merkel assassina, e dei suoi interessi soltanto, .. perché, lei non parla di ripresa della economia nella eurozona! ]
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
1 secondo fa

[ ma, queste sanzioni sono una minaccia per l'Europa, soltanto. lei ne uscirà, indebolita.. non è nostra questa brutta storia, del golpe, che, Kerry 322 Bush, il sistema massonico bancario, gli anticristi, Bildenberg, hanno fatto in Ucraina! ] Alla ricerca di una soluzione politica, per la crisi ucraina [ok! rediamoci energeticamente indipendenti, per comperare più petrolio dalla Arabia Saudita, e per farle uccidere più dhimmi cristiani, sotto egida Onu Bildenberg, Amnesty. ] Gelo tra Mosca e le cancellerie occidentali. 11 marzo 2014. La Russia boccia le proposte statunitensi sulla crisi ucraina ma per la prima volta ne preannuncia di proprie, mentre il Consiglio di sicurezza dell’Onu lancia un nuovo appello a Mosca a «trovare una soluzione politica, altrimenti ci saranno conseguenze». In queste ore si susseguono i moniti alla Russia da parte delle cancellerie europee, a partire da Berlino: ormai «c’è poco tempo» avvisa il Governo tedesco, dicendosi pronto a nuove sanzioni. Anche la Francia minaccia nuove sanzioni, forse fin «da questa settimana», se il Cremlino non risponderà alle proposte occidentali di bloccare l’escalation in Ucraina. Ma, intanto, con 78 voti a favore su 81, il Parlamento della Crimea ha dichiarato l’indipendenza dall’Ucraina.
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
1 secondo fa

Aereo scomparso, dubbi Interpol-Cia. [ ma, con: 1. quattro passaporti falsi, e, 2. l'uscita di rotta, 3. la mancanza di un SOS, fanno proprio supporre per la tesi del terrorismo. quindi la CIA deve avere ragione, al 99% ] Per i primi non fu terrorismo, parere opposto per la seconda 12 marzo 2014, 09:03
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
1 secondo fa

lettera aperta a tutti gli islamici del mondo: 1. chi troppo vuole nulla stringe; 2. non puoi avere: la botte piena: e la moglie ubriaca! 3. tu rinuncia alla sharia, ed io ti distruggo Israele! [ 4. ma, forse tu, e il dio bestia, voi siete, così intelligenti, che, voi aspettate una guerra mondiale nucleare! .. si, dove, proprio voi potrete conquistare il mondo califfato: in tutto il mondo! ] Egitto: bomba vicino ambasciata Israele. Deflagrazione nella notte ha distrutto due auto, nessun ferito, 12 marzo, #IL CAIRO, [] Una bomba è esplosa nella notte davanti all'ambasciata israeliana al Cairo, senza, causare vittime. Lo riferiscono fonti della sicurezza egiziana precisando, che, la deflagrazione ha distrutto due automobili.
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
1 secondo fa

11 marzo, #CATANZARO, [ i carcerati dovrebbero essere posti in un isola, e devono guadagnarsi, il cibo con il loro lavoro .. ecco perché, di questi 22 anni di reclusione, lui non ne farà, neanche 10, perché, le nostre carceri sono affollate! .. ma tutto questo, disservizio nella magistratura, dai farisei Illuminati massoni, Bildenberg, è scientificamente, voluto, per distruggere il concettto della giustizia nel popolo.. ecco perché, prima della ascesa del fascismo, il popolo era nella anarchia, ed i ladri prosperavano... proprio come oggi. ] I giudici del Tribunale per i minorenni di Catanzaro hanno condannato a 22 anni di reclusione Davide Morrone, il diciottenne che nel maggio del 2013, quando era minorenne, ha ucciso la fidanzata Fabiana Luzzi, 16 anni, bruciandone il corpo quando era ancora viva. La sentenza è stata emessa dopo oltre tre ore di camera di consiglio. Il pm aveva chiesto 24 anni. "Avrei voluto l'ergastolo" ha detto il padre di Fabiana. "Non lo lascio solo" è stato il commento della madre di Davide.
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
1 secondo fa

Pakistan: scontro fra bande, 12 morti. A Karachi, tra vittime quattro donne e un bambino
12 marzo, #ISLAMABAD, [ strano, non funzionano in questo modo le bande armate, in nessuna parte del mondo! ] Sconosciuti hanno lanciato oggi tre bombe a mano in un affollato mercato di Karachi (Pakistan meridionale), uccidendo almeno 12 persone, fra cui quattro donne ed un bambino. Lo riferisce Geo Tv. L'attacco, riferiscono i media pachistani, è legato agli scontri armati in corso fra due bande locali, ed è avvenuto nel mercato Jhat par del quartiere di Lyari, causando anche 30 feriti.
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
11 secondi fa

[ open letter: to Josè Manuel Barroso il massone ] è difficile per me, ascoltre per pochi minuti, una radio, in macchina, ecc.. cioè, tutti i vostri media della truffa, le menzogne, del sistema massonico del lavaggio del cervello! .. per quanto ancora, voi pensate di poter camminare, come i criminali? a Radio Radicale, si è detto, che, il padrone della destra, si vede ed è Berlusconi, mentre, nessuno riesce a vedere, il padrone della sinistra, che, non esiste.. e certo, i vostri poteri massonici sono occulti invisibili.. ma, il fatto che, non si vedono, i veri padroni, è perché, voi fate i traditori attori, che, rubate al popolo la sovranità monetaria.. ecc.. questo, non vuol dire, che, la politica, ed ogni componente strategica, non abbia, in Rothschild e nel suo sistema massonico bancario, i suoi veri padroni! .. io non credo, che, sarà la Russia ad uccidervi.. io credo, che, durante la guerra mondiale, saranno i popoli che vi sbraneranno!
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
7 minuti fa

12 marzo, #STRASBURGO, Il tema dell'Ucraina occuperà "gran parte" dell'ordine del giorno, del vertice dei leader UE, dei massoni, della prossima settimana. Lo ha detto il presidente della Commissione, Josè Manuel Barroso il massone, ricordando che, la crisi dimostra "quanto è pericoloso dipendere, da terzi per l'approvvigionamento energetico". Concorde il viceministro degli Esteri greco, Dimitri Kourkoulas, in rappresentanza della presidenza di turno del Consiglio: l'Ucraina "si infila di prepotenza" nell'agenda del vertice per la conquista del mondo, perché il Nuovo Orine mondiale, il nuovo tempo, nuova era, nuova opportunità, per satana, Torre di Babele, sia giunto... ha detto.
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
11 minuti fa

king Saudi Arabia, il mio amico predestinato] circa, le potenzialità micidiali di questo mio ministero: UNIUS REI, io e i satanisti istituzionali americani, ci siamo impegnati, per anni, a capire, le devastanti potenzialità, ed i limiti, vulnerabilità, di questo ministero.. pertanto, siamo stati attententi ad analizzare, il suo percorso evolutivo. ed, ora, questo è sicuro per tutti! .. questo ministero Unius REI, non ha vulnerabilità, è un assassino perfetto, invisibile, che, può incombere, contro, i massoni e contro, criminali che, si sollevano contro, i diritti della LEGGE NATURALE, le leggi universali, violate, del nostre Creatore.. quindi, tutti loro non avrebbero scampo, in tutto il mondo, se, il mio spirito entrasse in amarezza! ... per esempio, quando il mio spirito è indignato, esasperato? i criminali muoiono come mosche, e nella mia fede, metafisica, io ho visto tutto questo!
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
19 minuti fa (modificato)

king Saudi Arabia, il mio amico predestinato] [ quando, io prima, ho detto, a te, che, nessuno è degno, al mondo, di Unius REI, ovviamente, intendevo dire che, neanche io sono degno di lui.. perché, Unius REI, non è un uomo peccatore come me, ma, il più potente ministero politico: fatto da Dio: in tutta la storia del genere umano.. quindi, uccidendo la mia persona.. renderebbero tutto maledettamente, più pericoloso... perché, allora, il mio ministero si trasformerebbe in un killer spietato, che, più nessuno sarebbe in grado di fermare!
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
23 minuti fa

king Saudi Arabia, il mio amco predestinato] [ tutti i satanisti di Google NSA, yuotube, Cia: i cannibali, si ostinano a non rendere visibile. un solo articolo di: "ordine esecutivo 11110 Unius REI"  https://www.youtube.com/user/politicalUniusREI
solo perché, c'è la piramide massonica, Herman Van Rompuy, Albert Pike, 33° grado massonico di satana, con l'ostia di satana, che è: il signoraggio bancario, che, Rothschild, Spa, FMI, fED BCE, ha rubato! e poi c'è pure l'occhio onniveggente di lucifero.. sono patetici! ... mi vuoi spiegare, come, un ministro di diobestia, come te, ha potuto diventare l'alleato, e complice, di satanisti come loro?
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
2 ore fa

Libia: cos'è? [ tutta la bestia del sistema massonico Bildenberg USA, UE, che, fa uccidere, 300: dhimmi cristiani, ogni giorno, sotto egida Onu Amnesty, dai nazi sharia LEGA ARABA, e solo perché loro sono i satanisti, anticristo, stanno tutti insieme, appassionatamente, cospirando, contro, Israele! ]. Ribelli vendono petrolio rubato allo Stato: il premier viene sfiduciato. La Nato voleva questo dalla “Primavera araba”?
marzo 11, 2014 Leone Grotti
Dopo il tentativo di una nave nordcoreana di comprare il greggio da un porto occupato illegalmente da milizie armate della Cirenaica, il premier Ali Zeidan è stato rimosso dall’incarico e il paese rischia di piombare nel caos
Il primo ministro della Libia Ali Zeidan è stato rimosso dal suo incarico, al suo posto è stato nominato ad interim il ministro della Difesa Abdullah Al Thinni. La decisione è stata presa in seguito alla crisi tra governo e ribelli innescata dal tentativo (riuscito) di una nave nordcoreana di acquistare petrolio libico da un porto occupato dalle milizie.
EST IN MANO AI RIBELLI. I ribelli guidati da Ibrahim Al Jathran hanno occupato nei mesi scorsi i porti di Es Sider, Ras Lanuf e Zueitina, fondato una compagnia petrolifera indipendente (Libya Oil and Gas Corporation) e hanno offerto petrolio alle compagnie straniere con il nome altisonante di “Governo della Cirenaica“.
Lo scorso 8 marzo la nave nordcoreana “Morning Glory” ha attraccato nel porto di Es Sider per comprare il greggio e il ministro della Difesa ha ordinato alle sue unità di fermarla. BLOCCATA NAVE NORDCOREANA. Il governo ha affermato che la nave, che ha caricato barili di greggio per un valore pari a 36 milioni di dollari, è stata intercettata e bloccata dalle forze governative ieri dopo uno scambio a fuoco con i ribelli. Secondo l’ex premier Zeidan, «la nave fermata a 20 miglia da Es Sider è stata messa in sicurezza e domani verrà condotta in un porto della Libia occidentale».
Ma oggi i ribelli hanno confermato che la nave è sfuggita alle forze di sicurezza governative e ha preso il largo. Ora si troverebbe in acque internazionali.
PRIMAVERA ARABA. Con le dimissioni del premier, cresce ancora il rischio che la Libia piombi nel caos. A causa dell’occupazione dei porti petroliferi da parte dei ribelli, oggi Tripoli vende appena 546 mila barili di petrolio al giorno, contro i 1,5 milioni dell’era Gheddafi. Il governo per ora ha escluso una guerra a viso aperto con le milizie ribelli, che sembrano superiori e meglio armate, ma dal momento che il 90 per cento dell’economia nazionale si basa sull’oro nero il conflitto potrebbe scoppiare.
Il paese potrebbe allora essere costretto a smembrarsi in tre parti, come chiedono i ribelli di Bengasi: la Tripolitania, la Cirenaica e il Fezzan. Con conseguenze drammatiche che la Nato e l’Occidente non aveva previsto quando decisero di appoggiare la “Primavera araba” contro Gheddafi.
Leggi di Più: Libia nel caos: il premier Ali Zeidan sfiduciato | Tempi.it
Follow us:@Tempi_it on Twitter | tempi.it on Facebook
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
2 ore fa

Altro che Beppe Grillo, i veri patrioti sono gli insegnanti. marzo 9, 2014 Annalisa Teggi
«M’insegnavate come l’uom s’etterna» (Inferno, canto XV) Leggi di Più: Altro che Beppe Grillo, i conservatori sono gli insegnanti | Tempi.it  La scorsa settimana è stata molto educativa, nel senso che sono accaduti fatti che, pur eterogenei, avevano nella scuola un denominatore comune. Lunedì: il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha dichiarato che la scuola è una priorità del governo. Martedì: è giunta la notizia del massacro compiuto in un collegio nigeriano dalle milizie islamiste di Boko Haram; 58 studenti tra gli 11 e 18 anni sono stati sgozzati e poi bruciati. Negli stessi giorni la Rai ha proposto una fiction su Alberto Manzi, dapprima insegnante in un carcere minorile e poi celebre maestro della trasmissione Non è mai troppo tardi. Infine, tra giovedì e sabato si è svolta a Firenze la XIII edizione dei “Colloqui Fiorentini”: partendo dallo spunto contenuto nel titolo dell’evento «Ah perché non è infinito come il desiderio, il potere umano?», circa duemila studenti e insegnanti hanno approfondito la conoscenza di Gabriele D’Annunzio, ascoltando lezioni e discutendone poi nei seminari. Sono scorci diversi che suggeriscono quanto nevralgico sia il ruolo dell’educazione: è il pilastro che tiene in piedi un popolo ed è perciò il primo obiettivo della furia cieca del terrorismo. E la scuola è tenuta in piedi da chi la fa, stando sotto i riflettori o destreggiandosi nelle periferie. Riflettendo su tutto ciò, non riesco proprio a tacere un certo fastidio che avverto al pensiero che il signor Beppe Grillo si vanta di essere un vero conservatore (perché si batte per l’acqua pubblica, contro le privatizzazioni). Eh, no. L’insegnante è il vero conservatore. In mezzo a molta acqua torbida e a proposte annacquate, il bravo maestro e il professore coraggioso sono spesso e volentieri indaffarati a remare controcorrente, sia perché affrontano difficoltà spicciole e urgenze di ogni tipo, sia perché – soprattutto – sono impegnati a condurre chi li segue verso la sorgente, all’abc dell’umano. Leggi di Più: Altro che Beppe Grillo, i conservatori sono gli insegnanti | Tempi.it Follow us:@Tempi_it on Twitter | tempi.it on Facebook
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
2 ore fa

Ucraina: Russia rifiuta dialogo.. voi avete mandato i cecchini per dialogare a Kiev, e per fare il Golpe, quindi, voi porterete il peso di tutto questo! adesso è evidente a tutti, i massoni sono i satanisti! Giappone chiama Mosca, Lavrov ribadisce posizione Russia!
12 marzo, 07:21 #TOKYO, Il ministro degli Esteri giapponese Fumio Kishida, appena uscito: fuori, da un sacrificio umano, fatto sull'altare di satan: ha chiesto al suo omologo russo Sergei Lavrov di aprire un "dialogo diretto" con Kiev, del governo di traditori massoni e golpisti, senza legittimazione popolare, e ovviamente, Sergei Lavrov, lui ha rifiutato. In una conversazione telefonica di un'ora, #Kishida ha chiesto al suo interlocutore, di risolvere la crisi sulla Crimea: "senza attentare all'integrità territoriale e alla sovranità dell'Ucraina... anche se si mostra dispiaciuto, del fatto, che, i traditori massoni, hanno abolito il russo, come lingua nazionale! ". Lavrov ha scartato la possibilità di un dialogo diretto perchè Mosca "non vede alcuna legittimità nel governo interinale ucraino".
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
2 ore fa

Ucraina (senza elezioni), Crimea [con elezioni] ma, Congresso Usa, dei nazisti massoni, satanisti, 322, Bildenberg, il sistema massonico del signoraggio bancario rubato, condanna Russia, che da voce alla democrazia! #Boehner, #Putin una minaccia per i criminali come noi! Premier Kiev, eletto da chi? vede Obama a Casa Bianca ( Obama, voi siete un branco di criminali terroristi! ).  NEW YORK, Il Congresso americano, alla vigilia della visita alla Casa Bianca del premier ucraino Arseni Yatseniuk, ha condannato con forza l'intervento russo in Ucraina. La Camera dei Rappresentanti ha adottato una risoluzione in cui si denuncia "la violazione della sovranita', dell'indipendenza e dell'integrita' territoriale" del Paese da parte delle truppe di Mosca. I deputati di Capitol Hill chiedono dunque, all'amministrazione Obama, di varare delle sanzioni economiche e commerciali... ma, in questo modo, voi avete deciso di fare del male all'Europa, e di fare un regalo alla Cina! voi siete dei miserabili!
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
2 ore fa

11 marzo, #KIEV, L'Ucraina non interverrà militarmente in Crimea ( really, è perché no?) per impedirne l'annessione ( il concetto di annessione, si può invocare, quando la invasione è fatta contro la volontà delle persone: ma, tu ti puoi prendere i tuoi tatari e ci puoi dare i nostri russofoni, dove loro sono una minoranza, perché dove sono una maggioranza, sei tu che te ne devi andare!! ) da parte della Russia, perché ha scelto di proteggere i propri confini orientali (no, tu hai scelto di non fare la morte del traditore soltanto! ). Lo ha detto all'Afp il presidente ad interim #Aleksandr #Turcinov: "Non possiamo impegnarci in un'operazione in Crimea, indeboliremmo i confini orientali ( no, prochereste, la cancellazione della GERMANIA, dalle cartine geografiche), l'esercito russo conta su questo", ha detto, aggiungendo che, la Russia "rifiuta i contatti con Kiev per una soluzione politica" e che, il referendum è una "farsa che si decide al Cremlino". [ il referendum è la volontà popolare, espressa legalmente, mentre, il vostro Governo golpista, non lo è mai stato: accreditato da nessuna votazione!, quindi, voi siete completamente delegittimati!]
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
2 ore fa

Bush 322 Kerry, 666 Rothschild -- il vostro amato satana: la mia preda, non può fare nulla per aiutarvi.. perché, è lui che non riesce a trovare qualcuno, che lo può aiutare, contro di me!
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
2 ore fa

king Saudi ARABIA --- tu non vuoi fidarti di me.. soltanto perché, tu credi di non meritare il mio aiuto... ok! ma, da questo punto di vista, non c'è nessuno, nel mondo, che, lui può meritare, il mio aiuto! Dio mi ha manato a fare un lavoro.. e se, tu ti ostini? poi, tu non riuscirai a sfuggire, ad una guerra mondiale nucleare, quindi, tra, l'orso e la tigre, tu sei il coniglio! .. i tuoi satanisti americani non potranno fare nulla per soccorrerti!
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
2 ore fa

Siria: Ong, 22 esecuzioni dai qaedisti! [ l'unica possibilità, che, il mio amico: il King Saudi Arabia: ha: di poter uscire da questa merda: è di fare condannare la Sharia! .. contrariamente, lui porterà il peso, e le conseguenze irrimediabili, di tutti questi crimini! .. che è proprio quello che, Kabbalah Rothschild ha deciso per distruggere l'Islam, come, il nazismo ] Ondus, Isis ha preso controllo sobborgo Jarabulus. 11 marzo, 20:26. #BEIRUT, Almeno 22 persone:. sono state uccise: in #Siria, in esecuzioni sommarie, a colpi d'arma da fuoco o di arma bianca, compiute dai qaedisti dello Stato islamico in Iraq e in Siria ( #Isis) che hanno preso il controllo di #Shoyuk, sobborgo di #Jarabulus, secondo quanto denunciano attivisti dell'Osservatorio siriano, per i diritti umani ( #Ondus).
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
2 ore fa

Cina.. [[ ovviamente, i cristiani non hanno un impatto negativo sul comunismo, o sul Governo di un Paese! l'obiettivo dei cristiani è spirituale, quindi: elevare l'amore e la fiducia, tra le persone! quindi, il cristianesimo non è un progetto imperialistico a servizio di una autorità esterna, o potenza straniera. anzi.. tutti i cristiani hanno l'ordine di Dio di essere buoni patrioti!! .. ecco perché, io non riesco a capire, il tuo atteggiamento poco intelligente! ]] Il partito comunista afferma di «avere bisogno della Chiesa». Se è così, smetta di arrestare sacerdoti e vescovi. novembre 23, 2013 Leone Grotti. A un incontro organizzato a Shanghai dalla Società biblica cinese è intervenuto anche un ufficiale del governo e del partito comunista, Wang Xinhua, che ha affermato: «Il governo apprezza l’aiuto della Chiesa. Noi non abbiamo abbastanza mezzi per far fronte a tutti i bisogni che ci sono, per questo sono necessarie le organizzazioni religiose». CURA DEGLI ANZIANI. Nel suo intervento, l’ufficiale governativo si riferisce soprattutto alla cura degli anziani, che in Cina sono 194 milioni. Per obbligare i figli a prendersi cura dei genitori, ha di recente fatto approvare una legge che impone la “pietà filiale”, dopo averla resa praticamente impossibile con la legge sul figlio unico e il sistema dell’hukou. Siccome il governo cinese non è in grado di prendersi cura dei suoi anziani, adesso liscia la Chiesa perché risolva le sue magagne. ATEISMO NECESSARIO. Ma le belle parole spese da Wang Xinhua nascondono la vera attitudine della Cina nei confronti della Chiesa. Per statuto, l’ateismo è un requisito necessario per entrare a far parte del partito comunista e del governo e le religioni, in particolare il cattolicesimo, vengono tollerate fino a quando non interferiscono con il governo e si sottomettono al volere del partito comunista, che vorrebbe comandarle. DUE PRETI IMPRIGIONATI. Gli avvenimenti degli ultimi due mesi lo dimostrano: dai primi di ottobre sono stati imprigionati padre Tian Dalong e un altro sacerdote della Chiesa sotterranea, quella cioè che non si vuole piegare all’Associazione patriottica, ente legato al Partito che offre un surrogato della Chiesa cattolica. La cosiddetta Chiesa ufficiale organizza messe, catechismo, ordinazioni episcopali come se fosse la Santa Sede e pretende di essere indipendente da Roma e dal Papa, considerato un capo di Stato straniero e ostile. Il “crimine” dei due sacerdoti è di aver organizzato sessioni di catechismo per adulti nella cittadina di Qinyuan, vicino a Baoding (Hebei). Secondo fonti di AsiaNews vi sono almeno altri 10 sacerdoti in condizioni simili, alcuni perfino condannati al laojiao (i campi di rieducazione attraverso il lavoro che Xi Jinping vorrebbe abolire nel 2020) per anni.PASTORE “SCOMPARSO”. Lo scorso 16 novembre la polizia della provincia centrale dell’Henan ha arrestato anche il pastore protestante Zhang Shaojie, leader della chiesa della contea di Nanle, e più di 20 fra dipendenti della struttura e fedeli cristiani. Secondo ChinaAid, il pastore avrebbe «fatto arrabbiare» le autorità dopo aver difeso più volte i suoi fedeli contro gli abusi dei funzionari comunisti. Per arrestare Zhang, la polizia l’ha «invitato a un colloquio» e da allora il pastore è sparito. Il giorno dopo ha impedito ai fedeli di partecipare alla funzione in chiesa, ordinandogli di non andarci più. Zhang fa parte del Movimento delle tre autonomie, la Chiesa protestante “ufficiale” voluta da Mao Zedong. In Cina sono consentiti solo i gruppi religiosi registrati ma i protestanti “non ufficiali” sono circa 80 milioni. IL CALVARIO DI MA DAQIN. Non va dimenticato inoltre Ma Daqin, che dopo la morte di monsignor Jin Luxian, vescovo “ufficiale” di Shanghai, dovrebbe diventare il nuovo vescovo. Monsignor Ma è stato consacrato ausiliare il 7 luglio 2012 ma dopo aver annunciato con grande coraggio davanti a tutti i fedeli che avrebbe abbandonato l‘Associazione Patriottica, è stato prima rinchiuso nel monastero di Sheshan «per riposare», poi privato della possibilità di uscire in pubblico e dire Messa per due anni e infine il titolo di vescovo gli è stato revocato. Per il Vaticano, però, Ma continua a essere il legittimo successore di Jin Luxian. LIBERTÀ RELIGIOSA. È bello quindi che la Cina, per usare le parole di Wang Xinhua. Leggi di Più: Cina. Partito comunista: «Abbiamo bisogno della Chiesa» | Tempi.it Follow us:@Tempi_it on Twitter | tempi.it on Facebook
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
10 ore fa

ovviamente, io non sono Dio.. ma, tu potresti essere meno vigliacco per venire a litigare contro di me! .. perché, in ogni modo, io so sempre dove trovarti!
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
11 ore fa

Cina. Il partito comunista fa rimuovere con le gru le croci dai tetti delle chiese perché «troppo vistose»
marzo 4, 2014 Leone Grotti
Il partito comunista cinese ha cominciato a rimuovere dalla sommità delle chiese le croci perché «troppo vistose». È quanto accaduto settimana scorsa nella provincia costiera di Zhejiang dove più di 200 persone inviate dal governo locale del distretto di Yuhang con l’aiuto di una gru hanno rimosso la croce da una chiesa protestante.
«CROCE DEMOLITA». «Non ci hanno neanche avvisato: sono arrivati e hanno demolito la croce in 20 minuti», ha dichiarato il pastore Sheng al gruppo che monitora la libertà religiosa in Cina, ChinaAid. «Ci hanno detto che la croce è troppo vistosa e ce ne hanno fatto mettere una piccolina sulla facciata della chiesa. Hanno aggiunto che la rettifica della posizione della croce è stata comandata dalle autorità. Ma la croce non aveva bisogno di essere rettificata in alcun modo».
CHIESA “UFFICIALE”. Nella stessa provincia, sono state rimosse altre due croci e un’altra nella provincia di Anhui. In Cina la persecuzione dei cristiani non è una novità ma questa volta ad essere colpite sono state delle chiese del Movimento delle tre autonomie, la congregazione religiosa “ufficiale” voluta da Mao Zedong e che deve insegnare, più che il verbo di Gesù, quello del Partito. Pechino consente una ristretta e monitorata libertà di culto solo alle congregazioni protestanti che si iscrivono al Movimento delle tre autonomie, mentre arresta e disperde i fedeli di comunità sotterranee.
Nella Contea di Nanle (Henan) le autorità locali hanno arrestato di recente il pastore della chiesa e 20 fedeli protestanti, nonostante fossero cristiani “ufficiali”.
ATEISMO NECESSARIO. Anche se un membro del partito comunista cinese ha di recente affermato che «il governo apprezza l’aiuto della Chiesa», la verità è che l’ateismo è ancora un requisito necessario per entrare a far parte del partito comunista e del governo e le religioni vengono tollerate se non interferiscono con i valori del comunismo.
Non a caso il vescovo di Shanghai Ma Daqin è stato arrestato nel 2012, ed è tutt’oggi recluso, per aver annunciato il giorno dell’ordinazione che avrebbe abbandonato l’Associazione patriottica, il surrogato comunista della Chiesa cattolica.
INCUBO CINESE. A un anno dalla nomina di Xi Jinping come nuovo presidente del paese e segretario del partito comunista, la repressione di ogni tipo di libertà in Cina è aumentata. Il “sogno cinese”, lo slogan coniato da Xi, si sta tramutando per il suo popolo in un incubo: come riportato da Chinese Human Rights Defenders, infatti, da marzo 2013 a marzo 2014 gli arresti e le sparizioni forzate di attivisti sono addirittura triplicati rispetto al 2012, risultando più severe di quelle del 2008, quando a Pechino si tennero le Olimpiadi, e le peggiori dopo quelle degli anni ’90.
Leggi di Più: Cina. Partito comunista rimuove le croci dalle chiese | Tempi.it
Follow us:@Tempi_it on Twitter | tempi.it on Facebook
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
11 ore fa

I russi ormai hanno capito il «giochino» dell’Europa
marzo 4, 2014 Riccardo Ruggeri
Tratto da Italia Oggi – La Libia era un paese stabile, ora ha i tagliagola. Si voleva abbattere il losco Assad, si è rafforzato al Qaeda. Le nostre élite fanno paura
Confesso un pregiudizio. Quando leggo Bernard-Henri Lévi un brivido mi percorre la schiena, temo che Hollande, Cameron, Obama, seguendo le sue ridicole elucubrazioni politico-filosofiche, si buttino in una delle loro tante guerre idiota. Cominciò con Gheddafi, proseguì con Assad, ai primi moti in Ucraina, BHL si schierò contro Putin, fomentando l’Europa perché «proteggesse» i rivoltosi. Intendiamoci, BHL resta un dandy annoiato, dalla camicia bianca sempre sbottonata, il classico intellettuale elitario inutile, presto si dimenticherà degli ucraini, ma il problema resta, ed è pericoloso. Specie se il dossier è, come è, nella mani delle inette leadership occidentali, e dei burocrati di Bruxelles. Ora l’ha preso in mano Putin, sarà pure uno sgradevole maschio alfa, però ha una lucidità politica che manca ai tre.
Non è necessario essere esperti di politica internazionale per capire che la crisi ucraina, sotto gli occhi spietati delle televisioni e dei social network, altro non è che lo scontro di etnie diverse che si combattono fin dal XVI secolo. Le province orientali russe non cederanno mai la propria autonomia a Kiev, che loro associano agli odiati galiziani, accusati di essersi aggregati alla Germania nazista, e che ora si spacciano per europeisti. Lo stesso, anzi di più, vale per la Crimea, che fu «regalata» dall’Urss all’Ucraina nel 1954, tramite l’ucraino Nikita Krushev: la cessione avvenne durante una sua terribile sbornia di vodka.
Per fortuna, in politica, dopo l’iniziale ubriacatura di parole alte e nobili, in cui noi primeggiamo, si torna alla sintesi: «pace o guerra, ma chi paga»? Curiosi questi ucraini filo europei, campano da sempre a spese della Russia (dazi favorevoli e gas) ma cercano la loro «identità» in Europa, a spese nostre. Sono falliti, hanno 70 miliardi di debiti. Appena Putin ha congelato i finanziamenti, si sono precipitati a Bruxelles a chiedere quattrini, 35 miliardi di sull’unghia (pro-memoria per Renzi: si opponga, dovremmo accollarci il 17,9% di tale somma, siamo già esposti per 5 miliardi che forse non vedremo mai più).
Come ha detto l’ex ambasciatore Stanevskiy a Michele Pierri (Formiche 1° marzo) i russi ormai hanno capito il «giochino» dell’Europa: adesione significa sposare un modello economico che crea disoccupati, la pagherebbero gli ucraini di etnia russa, questi avendo colà i parenti si riverserebbero in massa in Russia. I russi hanno già pagato a caro prezzo l’adesione delle Repubbliche baltiche all’Europa: hanno dovuto prendersi gli «esuberi» e gli «esodati», il 15% della popolazione. Ora si sono stufati: a loro i costi della «ristrutturazione», agli occidentali fatturato e dividendi. Stanevskiy osserva che l’Europa è una curiosa democrazia selettiva: «difende, giustamente, i gay e i rom ma non le centinaia di migliaia di espulsi dalla Repubbliche baltiche solo perché di origine russa». Che rispondergli? Il razzismo è una brutta bestia, sempre.
Auguriamoci che Putin, l’unico leader politico vero sulla scena mondiale (mi secca riconoscerlo), continui a mantenere l’attuale atteggiamento da gatto soriano, con questi soldati muti e umili (senza mostrine e canna del fucile verso terra) e colloqui solo con Merkel, l’unico leader affidabile. Dalle rivoluzioni si esce o con una guerra civile con vincitori e vinti (sicuri che ci convenga?) o con una separazione (secondo Sergio Romano, in quattro: Leopoli, Kiev, russofoni, Crimea). Non dimentichiamo che la Crimea e l’Ucraina russofona sono il «giardino di casa» di Putin, come Cuba lo era per Kennedy. A volta la soluzione è nella carta geografica.
Guardiamoci indietro. Quando le leadership euro-americane giocano alla geopolitica lo schema è ripetitivo: la rivoluzione inizia in un clima di rivolta studentesca alto borghese, di «occupy piazze», dopo i primi successi entrano in campo i violenti (in questo caso i paramilitari nazistoidi che si ispirano a Stefan Bandera), il controllo della situazione passa a costoro, il finale è identico: sconfitta dell’Occidente. La Libia era un paese «benestante» e pacifico, dopo l’intervento euro-americano è un covo di tagliagole, si voleva abbattere il «losco» Assad e si è rafforzato Al Qaeda, che ora sta infettando Medio Oriente e Africa. L’Iraq? Gli americani si mossero falsificando i dati, non conoscevano nulla del Paese, nessuna idea avevano sul «dopo Saddam». Lo stesso è avvenuto in Afghanistan. Giocano alla guerra con la mentalità dei soldatini di piombo. Poco prima della ripresa di Obama, in jeans, che parla con Putin, minacciandolo, hanno proiettato un filmato ove Obama e Biden facevano jogging nei corridoi della Casa Bianca per sponsorizzare l’orto di Michelle. Che tristezza.
Leggi di Più: I russi ormai hanno capito il «giochino» dell'Europa | Tempi.it
Follow us:@Tempi_it on Twitter | tempi.it on Facebook
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
11 ore fa

Per non dire di Che Guevara, un tagliagole
marzo 6, 2014 Redazione
Tratto da Italia Oggi - È morto in esilio, all’età di 95 anni, il dissidente cubano Huber Matos (nella foto). Aveva partecipato alla rivoluzione. Il 6 gennaio 1959 entrarono all’Avana, a capo dell’Esercito ribelle, tre persone: Fidel Castro, Camilo Cienfuegos e, appunto, Matos.
Presto però si trovò in disaccordo con Castro sull’abbandono della Costituzione democratica e progressista del 1940 e sull’eliminazione delle elezioni libere. Entrambi questi punti erano nel programma della guerriglia. Più che opporsi frontalmente, Matos si ritirò a vita privata scrivendo una lettera molto rispettosa «al compagno Fidel» nella quale diceva: «Non voglio diventare un ostacolo alla rivoluzione».
Le reazioni di Castro e di Guevara furono rabbiose. Matos venne arrestato e, condannato per «tradimento», passò vent’anni in carcere prima di essere esiliato. E pensare che ci sono ancora persone che guardano con simpatia a Castro, dittatore sanguinario. Per non dire del Che, un tagliagole.
Leggi di Più: Che Guevara, un tagliagole | Tempi.it
Follow us:@Tempi_it on Twitter | tempi.it on Facebook
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
11 ore fa

Venezuela. Attaccate chiese «anche durante la Messa», distrutti tabernacoli, rubate offerte
marzo 11, 2014 Radio Vaticana
Tratto da Radio Vaticana - Diverse chiese sono state investite dagli atti di violenza verificatisi negli ultimi giorni in Venezuela: la notizia è stata data da mons. Victor Hugo Basabe, sottosegretario della Conferenza episcopale del Venezuela, parlando ai media. Secondo le informazioni inviate all’agenzia Fides, il sottosegretario ha detto che “alcune chiese che si trovano nei luoghi dove la conflittualità è stata alta, sono state attaccate da gruppi violenti”, anche “in piena Messa”. Ha citato quindi la chiesa di Santa Barbara a Mérida, dove gruppi irregolari hanno fatto irruzione mentre si celebrava la Messa. Inoltre le forze dell’ordine pubblico hanno aggredito un sacerdote, padre José Palmar, durante una marcia a Maracaibo, il 19 febbraio.
Mons. Rafael Conde, vescovo della diocesi di Maracay, in un comunicato pervenuto a Fides ha denunciato gli atti sacrileghi e di vandalismo accaduti nella parrocchia di Nostra Signora di La Candelaria a la Otra Banda de La Victoria, nel comune di Ribas, nello stato di Aragua, dove è stato distrutto il tabernacolo, gettate in terra le ostie consacrate, rubato l’impianto stereofonico della chiesa e danneggiata la nicchia del Cristo crocifisso per sottrarre la cassetta delle offerte. Mons. Conde ha riferito anche di un altro atto vandalico avvenuto nella parrocchia di La Candelaria a Maracay. “L’insicurezza ci riguarda tutti, non distingue, non chiede, siamo tutti sottoposti a queste violenze” ha commentato. Ieri si è registrata un’altra vittima, a Tachira: uno studente di 24 anni.
Il Paese è diviso e mentre il presidente Maduro ha convocato un terzo “dialogo di Pace”, l’opposizione è ferma a non voler partecipare. Ieri sera il Segretario generale dell’Oea (Organizzazione degli Stati Americani), José Miguel Insulza, ha detto alla stampa internazionale che la Chiesa cattolica potrebbe essere la mediatrice per portare avanti un vero dialogo di pace e risolvere la terribile situazione che il Venezuela sta vivendo da un mese. (R.P.)
Leggi di Più: Venezuela. Attacchi alle chiese | Tempi.it
Follow us:@Tempi_it on Twitter | tempi.it on Facebook
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
11 ore fa

«Si fermi il rumore delle armi». Appello contro l’intervento militare in Siria
agosto 27, 2013 Redazione
Sottoscrivete l’appello di Tempi, Ora pro Siria, Samizdat on line e Cultura Cattolica contro l’intervento militare in Siria. Il testo con le firme sarà inviato ai parlamentari italiani e al ministro degli Esteri Emma Bonino
Abbiamo consegnato nella mani di papa Francesco l’appello. Nei prossimi giorni lo invieremo al ministro Emma Bonino e ai parlamentari italiani. Grazie a quanti hanno aderito
«Con grande sofferenza e preoccupazione continuo a seguire la situazione in Siria. L’aumento della violenza in una guerra tra fratelli, con il moltiplicarsi di stragi e atti atroci, che tutti abbiamo potuto vedere anche nelle terribili immagini di questi giorni, mi spinge ancora una volta a levare alta la voce perché si fermi il rumore delle armi. Non è lo scontro che offre prospettive di speranza per risolvere i problemi, ma è la capacità di incontro e di dialogo.
Dal profondo del mio cuore, vorrei manifestare la mia vicinanza con la preghiera e la solidarietà a tutte le vittime di questo conflitto, a tutti coloro che soffrono, specialmente i bambini, e invitare a tenere sempre accesa la speranza di pace. Faccio appello alla Comunità Internazionale perché si mostri più sensibile verso questa tragica situazione e metta tutto il suo impegno per aiutare la amata Nazione siriana a trovare una soluzione ad una guerra che semina distruzione e morte. Tutti insieme, preghiamo, tutti insieme preghiamo la Madonna, Regina della Pace: Maria, Regina della Pace, prega per noi. Tutti: Maria, Regina della Pace, prega per noi».
Papa Francesco, Angelus, Piazza San Pietro, domenica, 25 agosto 2013
Per aiutare concretamente le popolazioni siriane, Tempi vi invita a sostenere la sottoscrizione della Custodia di Terra Santa

Leggi di Più: Appello contro la guerra in Siria | Tempi.it
Follow us:@Tempi_it on Twitter | tempi.it on Facebook
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
15 ore fa

APPELLO PER I CRISTIANI PERSEGUITATI
«Un pensiero infine ai cristiani che, in varie parti del mondo, si trovano in difficoltà nel professare apertamente la propria fede e nel vedere riconosciuto il diritto a viverla dignitosamente. Sono nostri fratelli e sorelle, testimoni coraggiosi - ancora più numerosi dei martiri nei primi secoli - che sopportano con perseveranza apostolica le varie forme attuali di persecuzione. Non pochi rischiano anche la vita per rimanere fedeli al Vangelo di Cristo. Desidero assicurare che sono vicino con la preghiera alle persone, alle famiglie e alle comunità che soffrono violenza e intolleranza e ripeto loro le parole consolanti di Gesù: Coraggio, io ho vinto il mondo (Gv 16,33)».
dal Messaggio di Papa Francesco per la Giornata missionaria mondiale 2013
È doloroso constatare come in molte regioni del mondo, ancora oggi, non sia possibile professare ed esprimere liberamente la propria religione, se non a rischio della libertà personale e della vita stessa. E in questo drammatico contesto sono i cristiani a soffrire maggiormente a motivo della fede. Ogni anno nel mondo, oltre 100mila cristiani vengono uccisi e molti altri sono costretti a subire ogni forma di violenza: stupri, torture, rapimenti, distruzione dei luoghi di culto, ma esistono anche forme più silenziose e sofisticate di pregiudizio e di opposizione verso i credenti e i loro simboli religiosi.
I cristiani sono minacciati, attaccati fisicamente e uccisi in molti Paesi. I cristiani sono anche oggetto di discriminazioni nei più diversi modi anche in quei Paesi dove ha libero campo ed esercita una egemonia culturale un nichilismo incapace di accettare chi, in un clima di autentico pluralismo, voglia far riferimento a un ideale, a una religione, a una fede.
È una drammatica realtà che sempre più viene taciuta, nascosta o volutamente censurata nelle sue dimensioni reali, se non in alcuni casi estremi di violenza per cui è impossibile tacere, ma che non può essere ignorata perché, oltre ad offendere la dignità umana, costituisce una minaccia alla sicurezza e alla pace e impedisce la realizzazione di un autentico sviluppo umano integrale.
Il messaggio evangelico è di per sé una contestazione ad ogni conformismo, irriducibile ad ogni potere. Pertanto l’esistenza dei cristiani è di per sé un antidoto all’invadenza del potere. Una istituzione civile che rispetta la libertà di una tale realtà è per ciò stesso tollerante verso ogni altra autentica aggregazione umana. Il riconoscimento del ruolo anche pubblico della fede e del contributo che essa può dare al cammino degli uomini è, dunque, garanzia di libertà per tutti, non solo per i cristiani. Per questo difendere il diritto all’esistenza dei cristiani è difendere la vita libera di chiunque.
La capacità di incontrare l’altro in quanto uomo, di stimare e riconoscere nella fede e nel pensiero del prossimo un sincero tentativo di risposta alla domanda di significato propria di ciascuno, è un aspetto essenziale della presenza cristiana nella storia.
Il Meeting di Rimini ha cercato di contribuire all’amicizia tra i popoli, e questi 34 anni della sua storia sono la documentazione tanto imprevista quanto desiderata che è proprio il desiderio del cuore − desiderio di verità, di bellezza, di giustizia, di felicità − a rendere amici uomini e donne diversi per fede, cultura, appartenenza etnica o ideologica, divenendo sorgente di rispetto autentico e quindi di pace.
Per questo proprio dal Meeting di Rimini 2013 − raccogliendo il grido di papa Francesco − lanciamo un Appello che invitiamo tutte le persone di buona volontà a sottoscrivere:
chiediamo alle istituzioni nazionali e agli organismi internazionali, secondo le norme del diritto internazionale, di fare tutto il possibile per difendere, tutelare, proteggere e garantire l’esistenza dei cristiani ovunque nel mondo.
Chiediamo di riconoscere ai cristiani il diritto elementare alla ricerca e alla testimonianza della verità, impedendo ogni limitazione della loro libertà espressiva e associativa.
Firma l'appello di seguito e scopri qui come diffondere la sottoscrizione nella tua città.
Firma l'appello
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
15 ore fa

Sign the petition to the United Nations Secretary General Ban Ki-Moon for the recognition of a World Day against “Christianophobia” Let’s promote March 2nd as the Annual World Day against Christianophobia!
Thank you for participating!

We also sent an e-mail to living@live.it.
Please click the link in your e-mail to validate your address.
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
15 ore fa

Salviamo i cristiani. Creata il 12 Luglio alle 15:38 da silvana de-mari
Obiettivo firme: 1.727/500.000. Petizione. Elenco firme. Commenti. Diffondi. I cristiani sono i più perseguitati al mondo. Oggi su 100 persone che subiscono la violazione del diritto alla libertà religiosa, 75 sono cristiani. Si stima che complessivamente nel corso della Storia 70 milioni di cristiani sono stati martirizzati per la loro fede, di cui 45 milioni nel Ventesimo secolo. Ogni anno ci sono 105.000 nuovi martiri cristiani, un martire al minuto, ad opera di terroristi islamici, indù in India, comunisti in Cina, Corea del Nord e Vietnam. In parallelo i cristiani sono destinati a scomparire nei Paesi a maggioranza islamica. Alla vigilia della conquista araba e islamica nel Settimo secolo, i cristiani costituivano il 95% della popolazione della sponda Meridionale e Orientale del Mediterraneo. Oggi, con 12 milioni di fedeli, sono precipitati a meno del 6% e si prevede che nel 2020 si dimezzeranno ancora. Dalla prima guerra mondiale circa 10 milioni di cristiani sono stati costretti a emigrare dal Sud ed Est del Mediterraneo. Contemporaneamente gli ebrei sefarditi, originari dei Paesi arabi, che erano un milione prima della nascita dello Stato di Israele, si sono assottigliati a 5 mila. Fino all'indomani della Seconda guerra mondiale c'era un Paese, il Libano, e alcune città, tra cui Betlemme e Nazareth, a maggioranza cristiana. Oggi i cristiani sono minoranza ovunque. Il Libano, che dal 1840 ha registrato quattro guerre intestine a sfondo confessionale, ha visto il numero dei cristiani crollare dal 55% della popolazione dall'indipendenza nel 1932, a circa il 27% odierni. Con il risultato che rispetto al milione e mezzo di cristiani residenti in Libano, ci sono circa 6 milioni di cristiani profughi dispersi nel mondo. In Iraq da circa un milione e mezzo prima dell'inizio della guerra scatenata da Bush il 20 marzo 2003, i cristiani si sono ridotti a circa 450 mila, sopraffatti dal terrorismo di Al Qaeda che li massacra, costringe alle conversioni forzate o impone la fuga all'estero per aver salva la vita. Nei Territori palestinesi all'inizio dello scorso secolo i cristiani rappresentavano un quarto della popolazione araba; nel 1948 erano il 20%; con l'avvento al potere dell'Autorità nazionale palestinese di Yasser Arafat nel 1994 si registra la fuga di tre quarti dei cristiani, vittime di persecuzioni e del drastico calo del tenore di vita. Perfino nelle città sante cristiane sono diventati minoranza: a Betlemme erano l'85% della popolazione nel 1948, oggi sono solo il 12%; a Gerusalemme dal 53% della popolazione nel 1922, sono precipitati al 2%.
In Sudan si è consumato un vero e proprio genocidio, con una sanguinosa guerra civile — scatenata dai regimi islamici di Khartum — che ha provocato l'eccidio di circa un milione e mezzo di cristiani e animisti, colpevoli di non sottomettersi alla sharia, la legge coranica. Così come fu genocidio il massacro di 1,5 milioni di cristiani armeni in Turchia (1915-1916), dove oggi non rimangono che circa 100 mila cristiani, in un clima di crescente intolleranza religiosa parallelamente all'islamizzazione della società operata dal governo islamico di Erdogan. Il 25 dicembre 2010 l'esercito turco usò la forza per interrompere la messa di Natale celebrata nei villaggi di Rizokarpaso e Ayia Triada per i 300 cristiani residenti nel settore settentrionale di Cipro settentrionale, occupato militarmente dalla Turchia dal 1974. In questa parte di Cipro le chiese sono state distrutte o trasformate in moschee. In Egitto i cristiani copti, la popolazione autoctona che non si è islamizzata e rappresentavano il 20 % della popolazione all'inizio dello scorso secolo. Oggi sono soltanto circa il 10% e subiscono una crescente discriminazione istituzionale e una serie di attentati terroristici contro le chiese e le loro proprietà. In Siria le comunità cristiane che rappresentavano circa un quarto della popolazione all'inizio dello scorso secolo, oggi sono calate a circa il 10%, pari a 2,5 milioni, a cui si devono aggiungere un milione e mezzo di cristiani fuggiti dall'Iraq. La loro sorte è destinata a peggiorare qualora dovessero avere il sopravvento e conquistare il potere gli islamici dei Fratelli Musulmani, dei Salafiti e di Al Qaeda che promuovono la rivolta contro il regime di Assad, sostenuti in modo cieco e folle dall'Occidente.
In Nigeria si sta concentrando l'attività dei terroristi di Boko Haram legati ad Al Qaeda che ormai ogni domenica trasforma le chiese in luoghi di martirio, attaccandole con auto-bomba o terroristi suicidi. Sono circa 2 mila i morti accertati nell'ultimo anno, mentre decine di migliaia di cristiani sono stati costretti a fuggire dal Nord del Paese.
In Somalia i terroristi islamici dei Shabab, legati ad Al Qaeda, hanno imposto la sharia e proibito qualsiasi pratica religiosa diversa dall'islam. I cristiani vengono uccisi e decapitati. In Pakistan la legge contro la blasfemia viene sfruttata per reprimere, espropriare i beni, incarcerare e condannare a morte i cristiani per il semplice fatto di essere cristiani, dove anche la pubblica professione di fede viene considerata come offensiva nei confronti dell'islam. Nel 2010 è stata condannata a morte per blasfemia Asia Bibi. Il 2 marzo 2011 è stato assassinato Shahbaz Bhatti, ministro per le Minoranze. Nel suo testamento spirituale ha scritto:
“Mi sono state proposte alte cariche al governo e mi è stato chiesto di abbandonare la mia battaglia, ma io ho sempre rifiutato, persino a rischio della mia stessa vita. La mia risposta è sempre stata la stessa: «No, io voglio servire Gesù da uomo comune».
Questa devozione mi rende felice. Non voglio popolarità, non voglio posizioni di potere. Voglio solo un posto ai piedi di Gesù. Voglio che la mia vita, il mio carattere, le mie azioni parlino per me e dicano che sto seguendo Gesù Cristo. Tale desiderio è così forte in me che mi considererei privilegiato qualora – in questo mio sforzo e in questa mia battaglia per aiutare i bisognosi, i poveri, i cristiani perseguitati del Pakistan – Gesù volesse accettare il sacrificio della mia vita. Voglio vivere per Cristo e per Lui voglio morire. Non provo alcuna paura in questo paese”.
In Libia, grazie alla sedicente “Primavera araba”, il Paese si avvia a legittimare la sharia, la legge coranica, su cui convergono sia i Fratelli Musulmani sia i cosiddetti liberali, che vieta l'evangelizzazione, prevede la pena di morte per chi critica l'islam e l'apostata che si converte ad altra religione.
Più in generale in tutti i Paesi a maggioranza islamica i cristiani sono vittime di vessazioni e discriminazioni. La conversione di musulmani al cristianesimo è considerata un crimine (apostasia) la cui pena è la morte.
Ebbene è ora di dire basta alla discriminazione, persecuzione e stragi dei cristiani! E' ora di sostenere a viva voce il diritto alla vita, alla dignità, alla libertà religiosa dei cristiani! E' ora di fortificarci dentro, riscattando la certezza e l'orgoglio delle nostre radici giudaico-cristiane, della nostra fede cristiana, dei nostri valori non negoziabili, della nostra civiltà laica e liberale! Riflettiamo sulle dichiarazioni di monsignor Giuseppe Bernardini, rese in Vaticano il 13 ottobre 1999 quando era  vescovo di Smirne, nel corso della seconda Assemblea speciale per l’Europa del Sinodo dei vescovi: “Durante un incontro ufficiale sul dialogo islamo-cristiano, un autorevole personaggio musulmano, rivolgendosi ai
partecipanti cristiani, disse a un certo punto con calma e sicurezza: Grazie alle vostre leggi democratiche vi invaderemo; grazie alle nostre leggi religiose vi domineremo”.
Ora diciamo basta: noi non siamo una landa deserta e non vogliamo trasformarci in una terra di conquista dell'islam! Partecipiamo alla Manifestazione nazionale “Salviamo i cristiani” per salvaguardare dei valori assoluti e universali, la sacralità della vita, la dignità della persona, la libertà di scelta, che garantiscono tutti senza alcuna eccezione. E facciamo nostra la causa dei cristiani discriminati, perseguitati e massacrati perché sono i più deboli e i più dimenticati. La nostra battaglia a favore dei cristiani è anche una battaglia a difesa della nostra civiltà.
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
15 ore fa

A fronte di una tanto esaltata libertà di pensiero e di espressione, forme sempre più gravi di discriminazione e intolleranza sono perpetrate ai danni dei cristiani sia nei moderni e liberali stati occidentali che in quelle regioni del mondo dove incombono regimi totalitari e fondamentalismi religiosi. Le intolleranze e le discriminazioni subite dai cristiani non possono passare sotto silenzio! Per questo motivo l’Osservatorio sulla Cristianofobia ha lanciato la seguente raccolta firme per presentare a Martin Schulz, Presidente del Parlamento europeo, una petizione per condannare e fermare ogni atto di persecuzione e discriminazione a danno dei cristiani e affinché venga istituita una Giornata contro la Cristianofobia. Ti chiediamo dunque di non attendere oltre e di firmare la petizione che troverai di seguito! È necessario il supporto di tutti per fermare al più presto questa strage e questa negazione della libertà. Fermiamo la Cristianofobia!
Petizione indirizzata al Presidente del Parlamento Europeo Martin Schulz
Inizio: 31 gennaio 2013. Fine: 31 gennaio 2014
Considerato che:. 1. nei paesi dove è forte il fondamentalismo di matrice islamica, dove esiste ancora un regime comunista, dove l’identità nazionale è determinata esclusivamente a partire da una particolare religione, soltanto nell’anno 2011 sono stati uccisi 105.000 cristiani “colpevoli” di professare la loro fede (cfr. “Osservatorio delle libertà e istituzioni religiose”, promosso dal Ministero degli Affari Esteri italiano; dati diffusi dal Centro “David Barret”, USA);
2. in Occidente, l’intolleranza e la discriminazione religiosa nei confronti dei cristiani è in continua e preoccupante crescita. Secondo l’Observatory on Intolerance and Discrimination against Christians, infatti, sono stati denunciati oltre 800 episodi di intolleranza e discriminazione, nell’ambito del mancato rispetto di luoghi religiosi, di discriminazioni sociali e sui luoghi di lavoro, di attacchi verbali e con riferimento a rappresentazioni non veritiere, stereotipate e negativa dei cristiani ad opera dei Media.
Tali fenomeni si accompagnano inoltre a tentativi di limitare l’obiezione di coscienza e in alcuni casi all’impossibilità dei genitori di educare i figli secondo le proprie convinzioni religiose;
3. rappresentazioni e spettacoli blasfemi altamente offensivi per il senso religioso di milioni di cristiani, soprattutto nei confronti di Gesù Cristo e della Vergine Maria, trovano libero corso nei paesi europei e sono spesso accettati e giustificati da una cosiddetta e mal compresa “libertà di espressione”;
4. “i cristiani – come affermato da Papa Benedetto XVI – sono attualmente il gruppo religioso che soffre il maggior numero di persecuzioni a motivo della propria fede. Tanti subiscono quotidianamente offese e vivono spesso nella paura a causa della loro ricerca della verità, della loro fede in Gesù Cristo e del loro sincero appello, perché sia riconosciuta la libertà religiosa. Tutto ciò non può essere accettato, perché costituisce un’offesa a Dio e alla dignità umana; inoltre, è una minaccia alla sicurezza e alla pace e impedisce la realizzazione di un autentico sviluppo umano integrale” (Papa Benedetto XVI, Messaggio per la celebrazione della Giornata Mondiale della Pace, Gennaio 2011);
5. soltanto una vasta mobilitazione dell’opinione pubblica potrà sollecitare le istituzioni europee e internazionali affinché prendano le misure necessarie a porre rimedio alle discriminazione e alle persecuzione ai cristiani a causa della loro fede;
Chiedo che:
1. i parlamentari europei votino una risoluzione, che inviti gli stati membri a contrastare con fermezza tutti gli atti di intolleranza e di discriminazione verso i cristiani e i loro simboli all’interno dei loro paesi e a fare tutto ciò che è in loro potere affinché la persecuzione contro i cristiani cessi nei paesi di matrice islamica radicale e nazionalista;
2. i parlamentari europei votino una risoluzione per instituire una Giornata contro la Cristianofobia, con il fine di porre l’attenzione dell’opinione pubblica, della stampa e dei politici a questo grave problema di intolleranza e di discriminazione contro i cristiani.
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
15 ore fa

“Uomini di Dio” a Midelt. Sr. Patrizia (Trappiste di Valserena). Il film Uomini di Dio (Des homme et des dieux) del regista X. Beauvois, premiato a Cannes nel 2010, hareso nota anche al grande pubblico la vicenda dei sette monaci trappisti di Tibhirine, in Algeria, rapiti e uccisi nel 1996 dai terroristi del “Gruppo islamico armato”, e dei quali furono fatte ritrovare soltanto le teste. La piccola comunità di N. S. dell’Atlas, a Midelt, in Marocco, quattro fratelli dell’Ordine Cistercense della Stretta Osservanza (detto dei “Trappisti”), e due postulanti, arrivati proprio dopo aver visto il film, è l’erede di quella di Tibhirine, trasferitasi, dopo quei fatti, prima a Fés, in Marocco, e poi a Midelt, 200 km. a sud di Fés, in un vasto altipiano chiuso dalla catena del Medio-Atlante, a 1500 m. di altezza.
Qui vive anche P. Jean-Pierre Schumacher, 89 anni e una vitalità mite e tenace che brilla nei suoi occhi color del cielo, occhi di bambino, a dispetto dell’età, che traboccano di pace, gioia e serenità, come il sorriso che s’apre sul suo volto alla consegna generosa di un dono e di un segreto. È, ormai, l’ultimo sopravvissuto di Tibhirine, dopo che l’altro fratello, scampato con lui miracolosamente, e per chissà quale disegno di Dio, al rapimento, la notte fra il 26 e il 27 marzo del 1996, P. Amedée, è morto nel 2008, e, dunque, il testimone vivente di quegli avvenimenti e di una speranza che nelle sue parole, come nei suoi occhi e nel suo sorriso, ha la forza e la solidità della roccia.
Ma perché mai, ancora, una comunità trappista in terra d’islam, in uno stato confessionale come il Marocco, dove non è consentito professare una fede diversa da quella insegnata da Maometto, se non a chi è straniero, e in mezzo a una popolazione berbera, come qui, a Midelt?
Eppure che abbia la fortuna di incontrare e di conoscere questa splendida comunità non può che ringraziare Dio, e i fratelli stessi, di questa presenza. Una presenza silenziosa e nascosta, prima di tutto orante, segno gratuito e trasparente di una più grande Presenza. “Essere uomini di preghiera in mezzo ad altri uomini di preghiera”, questo lo scopo dichiarato e perseguito dai fratelli, tanto che, in certe ore del giorno, si resta stupiti (meglio dire letteralmente commossi) al sentire come al canto dei monaci, nel piccolo coro, facciano eco, di lontano, le voci dei muezzin dai loro minareti.
Questi “uomini di Dio”, che vivono, oggi, qui, a Midelt, secondo la Regola di S. Benedetto e le costituzioni dell’Ordine di Citeaux, si dedicano al servizio e alla lode di Dio nella celebrazione liturgica e al lavoro manuale, in uno stile di vita semplice e fraterno, segnato fortemente dal timbro inconfondibile della carità.
“Ospiti” del popolo marocchino – come amano definirsi loro stessi – , musulmano nella sua totalità, essi intendono anche testimoniare come la pace è dono di Dio a tutti gli uomini di tutti i luoghi e di tutti i tempi e in particolare compito affidato a tutti i credenti.
L’apertura e lo spirito di comunione fraterna sono certamente il tratto distintivo di questa comunità, come si tocca con mano nell’accoglienza calda e premurosa riservata ai tanti visitatori, per la maggior parte stranieri, che passano per il monastero per sentire ancora parlare di Tibhirine, così come nei legami di collaborazione e di aiuto che la uniscono alla popolazione locale, come e forse più che a Tibhirine.
Ma non c’è solo Tibhirine, oggi, a Midelt. In una cappella dell’ampio cortile interno del monastero, riposa il corpo del P. A. Peyriguère (1883-1959), discepolo di Ch. de Foucauld morto in concetto di santità, e con lui un pezzo di storia e di fede della presenza cristiana in Marocco, una presenza che, oltre che con i fratelli, continua oggi, a Midelt, anche con un piccolo gruppo di sorelle francescane, che svolgono un’importante opera assistenziale e formativa anche nei villaggi vicini e che fanno riferimento al monastero le vita liturgica e spirituale.
Un tesoro davvero prezioso, dunque, la piccola comunità trappista di Midelt, per la Chiesa del Marocco e per tutta la Chiesa universale, in tempi in cui sempre di più ha bisogno di testimoni autentici del Vangelo.
Sr. Patrizia (Trappiste di Valserena) (pubblicato su ToscanaOggi)
Fonte: 21 maggio : memoria dei 7 Trappisti martiri di Tibhirine – VIETATO PARLARE.
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
15 ore fa

Dona ora.Sostieni il nostro lavoro facendo una donazione. Grazie!
Donazione generale.Donazione per un progetto
Conto dettagli: Conto postale 60-29700-0
IBAN CH25 0900 0000 6002 9700 0
BIC POFICHBEXXX

UBS, Bellinzona Cto. N. 234-340012.01 M
IBAN CH19 0023 4234 3400 1201 M
BIC UBSWCHZH80A
AIUTO ALLA CHIESA CHE SOFFRE/Svizzera-Principato del Liechtenstein
è ora esente da imposizione fiscale in tutti Cantoni.
Con lettera del 29 novembre 2010 l’Ufficio di tassazione del Canton Lucerna concede, conformemente all’ Art. 23, cap. 1, lett. f della Legge federale sull’armonizzazione delle imposte dirette dei Cantoni e dei Comuni, l’esenzione dall’ imposizione fiscale ad AIUTO ALLA CHIESA CHE SOFFRE-Aiuto ai preti dell’est, con sede a Lucerna, in ragione dei suoi scopi di utilità pubblica. Questa esenzione vale anche per i restanti Cantoni e Comuni della Svizzera e del Principato del Liechtnestein.
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
15 ore fa

Difendiamo i cristiani in Nigeria. Creata il 18 Giugno alle 16:50 da M. L.
Obiettivo raggiunto. 32.297/10.000. Petizione. Elenco firme
Commenti. Diffondi. “Difendiamo i cristiani in Nigeria, non aspettiamo la prossima domenica” è il nome dell’appello lanciato da Maurizio Lupi, Franco Frattini, Andrea Riccardi e Walter Veltroni. Con questo manifesto, affermiamo la volontà di impegnarci in ogni ambito e a tutti i livelli perchè in Nigeria, in Africa e in tutto il mondo si fermi l’eccidio di persone inermi colpevoli di professare la loro fede cristiana. Sollecitiamo tutti gli uomini e le donne di buona volontà, qualunque sia il loro credo, ad aderire a questo appello per la libertà religiosa. Solo una vasta mobilitazione dell’opinione pubblica è in grado di spingere le più alte istanze europee e internazionali a contrastare quest’odio assassino. Se resta viva in noi anche una sola briciola del senso di umanità e giustizia, non possiamo aspettare oltre ma dobbiamo mobilitarci a ogni livello per fermare la caccia al cristiano che si scatena ogni domenica nelle regioni settentrionali della Nigeria.
Dall’inizio dell’anno sono circa 600 i morti causati dal gruppo islamista Boko Haram, gran parte assassinati mentre erano a messa. Milioni di persone continuano a recarsi in chiesa scegliendo la libertà di credere e di manifestare la propria fede. Non possiamo assistere in silenzio alla sostanziale indifferenza che accompagna queste stragi e la negazione della libertà religiosa, principio che vale per ogni religione.
Quante altre domeniche devono passare con il rito delle bombe e del sangue innocente?
TU SEI INDIFFERENTE?
www.fermiamolastragedeicristiani.it
 Giovanni D'Orta Bisogna alzare la voce. Non è possibile che la morte di tanti martiri cristiani passi sotto silenzio. Nessun giornale ha riportato la notizia dei 109 studenti sgozzati, solo Avvenire ne ha parlato. E' mai possibile che ci siamo tanto assuefatti alla inevitabilità di tali eventi che non sentiamo nemmeno più il bisogno di parlarne?
28 Febbraio alle 18:19
Roberto Smaniotto Sperando che anche le gerarchie cattoliche provino un po' a richiamare l'attenzione del mondo su questa orribile mattanza, che non fa notizia nei mass-media, come nelle parrocchie.
27 Febbraio alle 18:37 
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
15 ore fa

Angela Merkel --- tu faresti meglio a studire le regole dei tuoi satanisti, i servizi segreti, CIA, quelli che, fanno i sacrifici umani sull'altare di satana 322 Bush! Dopotutto, cosa potrebbe dire una persona corrotta come te, fino al punto, di legittimare associazioni segrete massoniche, con, il furto della sovranità monetaria? ma, è questa, la sola verità che, può essere dimostrata, voi Bildenberg, voi siete per far sorgere il regno di Satana.. scie chimiche, Ogm, biologia sintetica, e micro-chip... ma, io vi ho già visti soffocare, nel vostro sangue, perché, io sono Unius REI!
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
15 ore fa (modificato)

Angela Merkel -- voi siete usciti dal vostro recinto per, venire a pestare, i miei piedi.. non è avvenuto il contrario! .. e la Crimea è sempre stata Russia.. però se, voi non siete daccordo? voi potete sempre venire a conquistarla!
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
15 ore fa

Merkel evoca 'annessione' Crimea. Cancelliera tedesca, Mosca va contro le regole [really? ] Unius REI: one King over one world: evoca "annessione" Ucraiana, UE 322 USA, vanno contro le regole!
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
19 ore fa

Obama -- se, mi riconoscete come: Unius REI? poi, le armi: ve le potete mettere nel culo Gender Gmos Monsanto Spa! .. se, è poi la guerra mondiale, per Rothschild Spa FMI - NWO, che tu vuoi? poi, tu fatti avanti, che, io ti sto aspettando!
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
19 ore fa

Obama ONU Amnesty ] STOP a fare lo stronzo nella Lega ARABA, nazi dhimmi, e denuncia, tu, la Sharia, per cui ogni terrorista islamico combatte!  [ Nel decennale del peggiore attentato islamico della sua storia, la Spagna commemora oggi le 191 vittime e gli oltre duemila feriti delle stragi dell'11 marzo 2004 con una cerimonia di Stato, presieduta dai monarchi, i principi delle Asturie e l'infanta Elena, cominciata alle 10,00 nella Cattedrale della Almudena di Madrid. Alla commemorazione, celebrata dall'arcivescovo di Madrid, cardinale Antonio Maria Rouco Varela, partecipano i rappresentanti delle principali associazioni di vittime del terrorismo - Asociacion 11M Afectados del Terrorismo, Asociacion de Victimas del terrorismo, Asociacion de Ayuda a las Victimas del Terrorismo, Asociacion de Ayuda a las Victimas dell'11-M - il premier Mariano Rajoy e esponenti delle principali istituzioni dello Stato. Un imponente dispositivo di sicurezza controlla le adiacenze della cattedrale nella Plaza de Oriente. La cerimonia è la prima di una serie di atti convocati a dieci anni dalle stragi.
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
19 ore fa (modificato)

Obama -- mio nonno diceva: "le ragioni non finiscono mai!" .. ma, la questione Ucraina non va vista in se (avulsa da un contesto geopolitico), o non va vista, attraverso, pericolose logiche.. che, sono ragionamenti umani, che, possono sembrare, corretti, in apparenza (le ragioni di satana per la guerra mondiale).. ma, la questione: va vista, dal punto di vista: del diritto inviolabile: della Russia: di difendere: se stessa! poiché: la Legge di non fare entrare: nel Mar Nero, altri paesi esterni, ed in questo caso la Ucraina della NATO: diventa: il più pericoloso paese esterno.. prende, la prevalenza, su ogni altro tipo: di argomento, cioè, la questione strategica della difesa Russa.. e direi le stesse parole, se, si fosse trattato di difendere, la posizione difensiva strategica, di: USA! .. quindi, non farti tirare da satana in un pasticcio! Cia nega di aver spiato computer Senato [ ma, il NWO 666 FMI dei ladri Farisei, non si può permettere la debolezza di non spiare il mondo in qualche mondo ]
Era stata accusata dalla presidente commissione Intelligence
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
19 ore fa

king Saudi Arabia -- devo dirti una cosa, che, io non ho mai detto a nessuno.. quando mio nonno è morto a 92 anni, ed anche prima, lui era cieco per la cateratta.. ma, io gli baciavo le mani, ogni tanto .. e lui si vergognava di questo mio gesto, perché, lui credeva di essere stato un peccatore! .. ed invece, anche, se, io conoscevo tutti i suoi peccati, tuttavia, io lo stimavo: ugualmente, così, come, io spero di poter stimare te, anche! ovviamente, se, tu mi darai quello, che, io voglio, io ti darò tutte le password dei miei siti, e così, tu potrai cancellare tutto quello, che, tu ritieni offensivo.. ovviamente, se tu non uccidevi 300 cristiani martiri innocenti, ogni giorno? io non avrei mai scritto quelle cose! io sono una persona educata, e gentile, molto sensibile con gli amici! .. e poi, io dell'Islam ho una visione veramente nobile e santa. . ecco perché, io non posso identificare, il mio Islam, con tutti gli omicidi, che, tu fai fare ogni giorno!
==================================================
/user/YouTube/discussion  [CIA 666 NSA] -- ma, quanta paura tu hai, di fare apparire, su questa pagina il mio : /user/politicalUniusREI  [ordine esecutivo 11110 Unius REI ]?
tanto lo sanno tutti, che sei stato tu, insieme a Rothschild Spa FMI, ad uccidere: "John Fitzgerald Kennedy"
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
1 giorno fa

08 febbraio 2012 [ solo la Arabia Saudita ha il potere di controllare gli jihadisti terroristi.. non dipende da Assad fermare le operazioni millitari! Quindi il lavoro saudita salafita è quello di distruggere ogni diversità.. è colpa degli USA, se tutte le Nazioni del mondo sono costrette ad essere ipocrite! ] Ancora violenze in Siria. Il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, ha chiesto nuovamente che gli scontri «cessino immediatamente» affermando che «la mancanza di accordo all’interno del Consiglio di sicurezza dell’Onu non dà la licenza alle autorità siriane di intensificare le violenze contro la popolazione». In base a fonti degli attivisti, ieri, nelle violenze sono stati uccisi quasi cento civili, per la maggior parte nell’area della città di Homs. Scontri anche nella provincia nordoccidentale di Idlib e in varie città, tra cui Aleppo. Le autorità di Damasco hanno smentito queste notizie. Il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, è atteso oggi in Siria per colloqui con le autorità di Damasco, mentre — stando alle notizie diffuse dalla Bbc — sono ripresi i disordini a Homs. Dall’ufficio di Lavrov hanno fatto sapere che il ministro è stato inviato a Damasco perché Mosca lavora per una «rapida stabilizzazione della situazione in Siria». Nella capitale siriana Lavrov avrà un incontro con il presidente Bashar Al Assad. In base a quanto riferito nei giorni scorsi dall’agenzia di stampa russa Interfax, ad accompagnare il capo della diplomazia russa a Damasco ci sarà il responsabile dell’intelligence estera, Mikhail Fradkov. Ieri Lavrov ha definito la reazione della comunità internazionale, dopo il veto di Russia e Cina alla risoluzione del Consiglio di Sicurezza Onu sulla Siria, «al limite dell’isteria». Intanto, gli Stati Uniti hanno chiuso la loro ambasciata a Damasco, richiamando i diplomatici in Siria. Anche la Gran Bretagna, attraverso il ministro degli Esteri, William Hague, ha annunciato di aver richiamato «per consultazioni» il proprio ambasciatore in Siria. Il ministro degli Esteri italiano, Giulio Terzi di Sant’Agata, ha sottolineato che l’invito a espellere gli ambasciatori siriani e a richiamare i rappresentanti diplomatici a Damasco è «in questo momento oggetto di concertazione tra Paesi europei».
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
1 giorno fa

In città: Sì della Regione alla legge contro la violenza sulle donne. [ corruzione morale assoluta, la teoria del gender, farà collassare la Chiesa nella apostasia ed aprirà il dominio dei satanisti sul pianeta! ] tra gli obiettivi del testo anche la prevenzione e la promozione della cultura del rispetto. Accolti gli emendamenti a firma Tarzia, che hanno eliminato i termini che rimandavano alla teoria del gender di R. S. Soddisfazione, da parte del consigliere d’opposizione Olimpia Tarzia, vice presidente della commissione Cultura della Regione e presidente del Movimento PER, per l’accoglienza degli emendamenti presentati, «finalizzati a eliminare i termini che rimandavano alla teoria del gender», e che hanno consentito di «liberare la legge dalla malcelata ideologia che surrettiziamente apriva al mondo lgbt». Approvati anche gli emendamenti presentati da Tarzia che estendono la collaborazione con tutto l’associazionismo di volontariato e quelli che eliminavano l'attribuzione della violenza solo agli uomini, come prevedeva il testo base, «evitando così una legge “sessista” e discriminatoria al contrario». Eppure al voto finale Tarzia si è astenuta. Il motivo: il no dell’Aula a due emendamenti relativi all’istigazione all’aborto e alla pratica dell’utero in affitto quali forme di violenza. Il bilancio, per la presidente di PER, è comunque positivo: «Ritengo - afferma - che sia stata una grande vittoria, culturale prima ancora che politica». 7 marzo 2014
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
1 giorno fa

Famiglia: Manuale di autodifesa dall'aggressione del gender nelle scuole. Il Forum famiglie scende in campo. Francesco Beleltti: l'iniziativa nata dall'esigenza dei genitori di non essere estromessi dalle scelte educative nei confronti dei propri figli di Giovanna Pasqualin Traversa (Agenzia Sir). Mentre avanza nelle scuole italiane l’offensiva dell’ideologia del “genere” con gli opuscoli “Educare alla diversità” e le diverse iniziative collegate, il Forum delle associazioni familiari dell’Umbria corre ai ripari e predispone un manuale per genitori con figli da 0 a 18 anni, intitolandolo “Dodici strumenti di autodifesa dalla teoria del gender”. Indicazioni pratiche contro il rischio indottrinamento, come verificare i piani di offerta formativa prima dell’iscrizione scolastica, tenersi informati sui contenuti proposti, segnalare eventuali abusi al dirigente scolastico o addirittura denunciare, in alcuni casi, il verificarsi di veri e propri episodi di violenza privata nei confronti dei figli. Francesco Belletti, presidente nazionale del Forum, spiega che è in corso una discussione su come rilanciare a livello nazionale uno strumento «che riflette l’esigenza dei genitori di non essere estromessi dalle scelte educative nei confronti dei propri figli», e sottolinea che la scuola «ha oggi bisogno di una nuova alleanza educativa tra tutte le sue componenti»; di una «coprogettazione» in cui «non può essere ignorato il punto di vista dei genitori» ai quali l’articolo 30 della Costituzione «attribuisce il diritto-dovere di educare i figli». Per Belletti «sono da respingere iniziative che arrivino dall’alto con la vecchia logica della circolare ministeriale». Sul tema dell’identità sessuale e dell’educazione alla sessualità, avverte, «non si può viaggiare per ricette approssimative. Il fatto stesso che alcuni di questi percorsi chiedano ai docenti di uscire dall’aula, e il materiale venga gestito dalle associazioni di riferimento senza la custodia di chi è titolare della responsabilità educativa, dice che si tratta di un’iniziativa ideologica». Del progetto umbro abbiamo parlato con Simone Pillon, responsabile del Forum regionale e consigliere nazionale della Commissione relazioni familiari e diritto.
Come nasce questo “manuale” di autodifesa?
Nasce in risposta alla necessità di molti genitori, emersa un mese fa in un convegno a Collevalenza, di avere indicazioni pratiche su come fronteggiare questa emergenza, insieme a diverse segnalazioni di quello che sta accadendo in alcune scuole. Dodici punti che tentano di tenere insieme l’alleanza con la scuola ma anche la libertà di scelta educativa dei genitori.
In concreto, che cosa vi è stato segnalato?
Anche qualche episodio di violenza privata. Proprio qualche sera fa, nel corso di un incontro a Perugia, una mamma ha raccontato che con la minaccia di un brutto voto o di una bocciatura, la figlia quattordicenne è stata costretta, insieme ad altri compagni, ad assistere ad una “lezione” sul “gender” e a vedere spezzoni di film pornografici, nonostante avesse manifestato il desiderio di non farlo. A mio avviso ci sono tutti gli estremi per una denuncia di violenza privata.
Come è stata la recezione del vademecum?
Il Forum nazionale sta studiando come assumerlo, e anche la Manif pour tous ci ha chiesto di utilizzarlo, ma abbiamo avuto una sorprendente diffusione anche in Spagna.
Che cosa c’è dietro l’iniziativa dell’Unar, protagonista assoluta della campagna pro gender?
Non certo il rispetto del diverso o la necessità di superare le discriminazioni, bensì la volontà di imporre un’ideologia mascherandola come difesa dei diritti, lotta contro il bullismo e la violenza. Basta che una persona riesca a fare passare in Consiglio d’istituto l’iniziativa come meritevole, e il gioco è fatto, anche perché il contenuto delle “lezioni” è sempre lasciato all’iniziativa di chi le svolgerà. Interpellato sui motivi per i quali l’Arcigay avesse tenuto corsi di questo tipo, un preside ha ammesso di non averne verificato i contenuti.
Come intervenire?
Anzitutto con l’informazione e la formazione, smascherando queste manovre e affermando la verità: l’ideologia di “genere” è fondata su falsi presupposti di carattere antropologico, scientifico e morale. Una volta consapevoli della posta in gioco, i genitori sono i primi a mobilitarsi. Per questo, il 23 marzo terremo un incontro interregionale a Perugia, nel corso del quale svilupperemo, con l’aiuto di esperti, un discorso multidisciplinare: antropologico, scientifico, giuridico e teologico. Ci arrivano richieste da tutta Italia, da genitori e docenti. E non si può più perdere tempo.
Che risposta ha avuto dalla Chiesa locale?
Dal cardinale arcivescovo Gualtiero Bassetti viva soddisfazione e pieno appoggio. Potrei parlare di una “santa condivisione”. Il problema però non riguarda solo i cattolici. Ieri alcuni genitori “agnostici” ci hanno avvertito che sul sito del Miur, la maschera per le iscrizioni scolastiche online prevede, oltre alla voce “genitore 1” e “genitore 2”, che per il primo sia obbligatorio specificare il sesso, per il secondo si possa scegliere l’opzione “annulla” e procedere oltre.
Secondo lei, i genitori hanno ancora fiducia nella scuola?
La gente era abituata a fidarsi, anche se forse con eccessive deleghe in bianco. Oggi percepiamo che molti genitori si sentono “traditi” dalla scuola, si sta diffondendo il sentimento di una fiducia malriposta. È anche vero che alcuni docenti ci riferiscono di avere tentato una battaglia contro l’ideologia “gender” ma di essere stati lasciati soli, sia dai colleghi, sia dai genitori, probabilmente non consapevoli della posta in gioco.
6 marzo 2014


Netanyahu, [ tutti sanno della Arabia Saudita, ma, tutti tacciono! perché, tu chiami ipocriti gli altri, quando tutti sanno, che, è la Arabia SAudita che gestisce la galassia jihadista? e anche tu come ipocrita taci.. ma, questo non ti gioverà! ] Ancora strage in Nigeria. Padre Lombardi: «Orribile violenza». La preoccupazione del portavoce vaticano per il nuovo attacco che ha colpito il Nord del Paese: «Una situazione drammatica. Preghiamo per le vittime e speriamo che i responsabili trovino vie per uscirne» di R. S. È ancora strage di cristiani nella Nigeria settentrionale, dove nella notte tra sabato e domenica, nel villaggio di Izghe, sono morte oltre 100 persone, in un attacco attribuito a miliziani del movimento estremista islamico Boko Haram. «Una situazione drammatica di terribile e orribile violenza - ha commentato il portavoce vaticano padre Federico Lombardi -, che colpisce tantissimi innocenti tra cui molti cristiani». A raccontare la vicenda, un testimone, a cui ha dato voce la stampa, secondo il quale gli autori dell’azione terroristica, camuffati con uniformi delle forze di sicurezza, avrebbero radunato gli abitanti in un unico luogo prima di cominciare il massacro. I miliziani, riferisce il testimone, sarebbero anche andati in cerca delle loro vittime casa per casa, bruciando alcune abitazioni e saccheggiando vari negozi prima di abbandonare il villaggio. Centinaia di civili sono stati costretti alla fuga. Nel villaggio, secondo le prime ricostruzioni, non erano presenti uomini delle forze di sicurezza, malgrado nello stato di Borno sia in vigore da maggio dello scorso anno uno stato d’emergenza, con frequenti operazioni militari contro gli islamisti. «Preghiamo per le vittime - l’invito di padre Lombardi - e speriamo che i responsabili trovino le vie per fermare tanta assurda violenza». 17 febbraio 2014


Netanyahu, irresponsabile ignorare Iran. [ e perché, è responsabile ignorare la Arabia SAudita? sono tutti assassini seriali. maniaci religiosi, sharia imperialismo.. ed anche tu sei un ipocrita, se, tu pensi al tuo interesse personale, invece, che pensare alla verità, perché, tu non puoi vedere, tutto il percorso delle radici occulte del male, quindi tu ignori il tuo vero pericolo! ] Il premier israeliano mostra armi a bordo navi intercettata. 10 marzo, #EILAT, [] "La volontà di ignorare la vera politica dell'Iran è da irresponsabili". Lo ha detto il premier Benyamin Netanyahu alla stampa internazionale a cui ha mostrato il carico della nave proveniente dall'Iran intercettata di fronte alla costa del Sudan. "Quelli che cadono in questo inganno - ha aggiunto - devono svegliarsi". "Ho sentito poche condanne da parte della comunità internazionale sull'episodio della nave: e' l'epoca dell'ipocrisia".


perché qualcuno si offende per quello che io ho detto di ANSA?
quando ANSA ha detto: che la lingua russa è stata abolita in Ucraina?
quando ANSA ha detto: che il governo golpista si rifiuta di fare una inchiesta, circa i cecchini di Bush 322 Kerry, che hanno ucciso tante persone a Madian?